San Giorgio-Sorrento 1-0. Tre punti per la salvezza: Mancini decide il derby

Sventola la bandiera granata sui cieli di San Giorgio a Cremano. Il derby San Giorgio-Sorrento finisce con la vittoria dei padroni di casa, che nella ripresa trovano il gol vittoria con Mancini.

San Giorgio-Sorrento 0-0

Dopo una prima fase di studio il Sorrento prende in mano il pallino del gioco riuscendo a trovare la via del tiro per due volte. Sono gli esperti di casa rossonera a voler provare a scardinare la saracinesca di Bellarossa, ma i tiri vengono deviati o sono troppo lontani dallo specchio di porta.

Al contrario, il San Giorgio non riesce a prendere in mano le redini del gioco, arrivando difficilmente al tiro e in caso di arrivo, i tentativi sono deboli e velleitari. Il Sorrento, quindi, governa per la prima parte della prima frazione di gioco, Neanche alla mezzora in campo qualcosa cambia. I padroni di casa iniziano a prendere coraggio e a usufruire di un buon fraseggio. Il gioco dei vesuviani a questo punto è intenso e inizia a mettere in difficoltà i rossoneri.

La prima reale occasione gol arriva al 32′ con Caprioli direttamente da calcio di punizione. Fa buona guardia Del Sorbo, ma il pallone è di poco alto sopra la traversa. L’intensità di gioco del San Giorgio è inversamente proporzionale a quella dei costieri. Più si alza il baricentro dei granata, più sembra difficile per gli uomini di Cioffi riuscire a tenere botta.

In ogni caso, il Sorrento prova a farsi vedere nei pressi della porta difesa da Bellarosa, ma i tiri non impensieriscono il portiere avversario.

San Giorgio-Sorrento 1-0

Il secondo tempo sembra muoversi sulla falsa riga del primo. Il Sorrento tornato in campo sembra prendere nuovamente coraggio e tenta il giro, non riuscendo mai a impensierire Bellarosa. Mentre il San Giorgio ha una reazione immediata e riesce a riprendersi la supremazia territoriale.

Al quarto d’ora di gioco della ripresa Scalzone inizia a scaldare i motori, tentando il gol, che non trova. Come l’attaccante, anche i compagni premono sull’acceleratore, con Caprioli e Navas a giganteggiare lungo le fasce cercando lo spazio giusto per colpire. All’ora di gioco, circa, è Virgilio che prende le misure con un tiro che non arreca danni ai padroni di casa.

Come nel primo tempo, però, la formazione di Cioffi va pian piano spegnendosi ed innervosendosi. I cambi del tecnico non sortiscono l’effetto sperato, mentre Ambrosino spinge i suoi alla ricerca del vantaggio. Ci sono le azioni, ci sono le manovre e le occasioni, ma Del Sorbo ci mette il suo per evitare che la sua porta venga violata.

Al 76′ arriva il gol del San Giorgio. Ancora Scalzone offensivo tenta il tiro che viene deviato in angolo. Sugli sviluppi una doppia occasione per Mancini. Il primo viene ribattuto, ma sul secondo la difesa sorrentina non può nulla.

Prova l’immediata risposta la formazione ospite, che con l’andar dei minuti trova anche il pareggio con Petito, ma il calciatore rossonero parte da una posizione irregolare. Il ritmo rallenta, il San Giorgio non preme per cercare il raddoppio, ma piuttosto serra i ranghi per evitare pericoli di ogni sorta. Ambrosino, infatti, passa al 3-5-2, togliendo una punta e rinforzando la difesa.

I costieri provano a farsi vedere, ma la retroguardia sangiorgese tiene banco senza affanni. Il gioco scivola via con interruzioni per falli e per qualche crampo dei giocatori di casa. Servono altri sette minuti, oltre al tempo regolamentare per far arrivare il triplice fischio che decreta la vittoria granata.

TABELLINO – San Giorgio-Sorrento 1-0 (0-0 pt)

San Giorgio (4-3-1-2): Ruggiero, Cassese, Sepe, De Siena; Caprioli (86′ Imputato), Argento, Navas; Mancin (92′ Onesto)i; Scalzone (82′ Landolfo), Varela. A disposizione: Barbato, Landolfo, Luongo, Rauci, Imputato, Bozzaotre, Onesto, Di Pietro, Spedalieri. Allenatore: Salvatore Ambrosino

Sorrento (3-5-2): Del Sorbo; Rizzo, Mezavilla (83′ Ferraro), Mansi; Gargiulo (59’ Manco), Diop (67′ Selvaggio), Virgilio, Cassata (60′ Tedesco), Romano; Petito (90′ Marciano), Ripa . A disposizione: Pinto, Ferraro, Di Palma, Selvaggio, Manco, Guarino, Petrazzuolo, Marciano, Tedesco. Allenatore: Renato Cioffi

arbitro: Stefania Mencucci di Lanciano
assistenti: Luca Chiavaroli di Pescara; Pierpaolo Carella de L’Aquila

marcatori: 74′ Mancini
tiri: 18-9
angoli: 10-0
fuorigioco: 1-3

ammoniti: Viriglio, Caprioli, Diop
espulsi: //

recuperi: 0 pt, 7′ st