Salernitana-Pescara. Umori bassi e voglia di rifarsi: gara vitale all’Arechi

Questo pomeriggio, alle ore 16:00, allo stadio “Arechi” di Salerno andrà in scena la gara tra i granata di Castori ed il Pescara del grande ex Roberto Breda. Il cavalluccio marino necessita assolutamente di tornare al successo dopo ben tre disfatte consecutive per scacciare la crisi e riprendere quota. Di fronte ci saranno i biancazzurri, che vengono dalla sconfitta interna con la Cremonese ma sono in leggera ripresa dopo un avvio horror: attualmente sono in zona play-out, a quota 16 punti, ma promettono battaglia e gli uomini per far bene non mancano. Ma vediamo come giungono le due formazioni a questa sfida che sarà doretta signor Luca Pairetto della sezione di Nichelino

COME ARRIVA LA SALERNITANA
Diversi assenti per Fabrizio Castori, e se rinunciare a Cristiano Lombardi è ormai un clichè, le assenze di Andrè Anderson e del polacco Dziczek si faranno sentire eccome in mezzo al campo. Ma in quella zona di campo è arrivato negli ultimi giorni l’ex Trapani Coulibaly che potrebbe partire anche dal primo oggi. In mediana ritornano capitan Di Tacchio e Capezzi, mentre il giovane Sy ha ottenuto la sua prima convocazione. Tuttavia sarà ancora e sempre il 3-5-2 il modulo col quale il tecnico marchigiano schiererá i suoi in mezzo al campo: davanti a Belec ci saranno Bogdan, Gyomber e Mantovani; in mediana Di Tacchio sarà affiancato appunto da Coulibaly e Kupisz, con Casasola e il sudamericano Lopez come esterni con funzioni offensive; in avanti il bosniaco Djuric farà coppia con uno tra Tutino e Gondo, col primo favorito.

COME ARRIVA IL PESCARA
Due pareggi, due sconfitte ed una vittoria (quella sul campo della Reggiana per 1-0, ndr), 16 punti ed una zona retrocessione che il delfino non meriterebbe sulla carta per i valori tecnici ma che si è trasformata in realtà a causa di un avvio nefasto di stagione. Breda dovrà fare a meno dello squalificato Scognamiglio oltre agli indisponibili Antei e Del Favero, ma ritrova Balzano, Bocchetti, Asencio e Bellanova, di rientro dalla squalifica. Prima convocazione anche per i neoacquisti Sorensen e Odgaard. Spazio al 3-5-1-1 con il debutto di Sorensen in difesa accanto a Bocchetti e all’ex di turno Jaroszynski. In mediana Memushaj, Valdifiori e Machin, ritornato in biancazzurro, con Bellanova e Nzita larghi. In avanti il fantasista Galano agirà alle spalle dell’ex Cremonese Ceter che, tra l’altro, negli ultimi incontri con la maglia della Cremonese ha giá fatto male ai granata.