Salernitana. Alessio Cerci e l’auspicio che ieri sia stato solo un antipasto

Al termine della gara giocata ieri sera contro il Venezia e vinta 2-0 grazie alle reti di Kiyine e di Karo,Gian Piero Ventura cosí ha parlato dell’ala di Velletri:“Cerci? Dopo mesi di lavoro sono contento che ha fatto bene. Deve lavorare, migliorare, perché può fare ancora meglio”.

Era dal 18 dicembre 2018(con la squadra turca dell’Ankaragucu,ndr)che non giocava una partita ufficiale dal primo minuto. Un’emozione (ri)provata ieri sera sul prato dell’Arechi dove, dopo otto mesi di attesa, Alessio Cerci ha fatto il suo esordio da titolare con la maglia della Salernitana 1919.

L’ex Milan e Verona contro il Venezia ha sfoggiato una prova di spessore, sfiorando la rete in due occasioni e servendo una serie di assist ai suoi compagni, uno dei quali decisivo per la rete del 2-0. Il 32enne di Velletri ha, così, conquistato il pubblico salernitano che, al momento della sostituzione, gli ha tributato anche una sentita standing ovation per la prestazione fornita. Attestato di stima a cui Cerci ha risposto con un post sul suo profilo Instagram, accompagnando gli scatti più significativi della serata prendendo in prestito le parole cantate da Francesco De Gregori ne “La leva calcistica del ’68:”E allora mise il cuore dentro le scarpe. E corse più veloce del vento. Grazie Salerno“. Pupillo di Gian Piero Ventura che lo aveva già allenato al Pisa e al Torino, Cerci potrebbe essere il valore aggiunto della Salernitana in questa seconda parte di stagione per fare un salto di qualitá successivo nonchè decisivo per lottare per un secondo posto che significherebbe promozione in Serie A e che ad oggi dista 5 punti.

Dopo mesi di attesa,scetticismo e dubbi sulla sua tenuta fisica,ieri sera Salerno ha potuto apprezzare il talento del 32enne che a gennaio era stato anche sul punto d’interrompere il suo rapporto con il cavalluccio marino per un post che non era piaciuto alla società; Salerno ha potuto finalmente ammirare il talento mancino che potrebbe rivelarsi fondamentale per la rincorsa ai sogni granata.

fonte:Ottopagine.it