Roma. Verso Champions e Napoli, Garcia: “Vogliamo vincere”

“La cosa sicura è che Salah sta bene e che non ha i novanta minuti nelle gambe, ma è pronto”. Lo ha detto il tecnico della Roma, Rudi Garcia, alla vigilia della sfida dell’Olimpico contro il Bate Borisov, decisiva per l’approdo agli ottavi di Champions League. “Abbiamo tanti infortunati che fanno in modo che le soluzioni sono ridotte, ma ci sono – ha spiegato il mister giallorosso in conferenza stampa ipotizzando un impiego di Castan – Domani dovremo avere diciotto ragazzi, undici in campo e gli altri in panchina, in grado di dare tutto per la vittoria. Non c’è altro obiettivo, è la voglia che farà la differenza e la nostra è immensa. Saremo ancora più forti con i nostri tifosi e con il presidente Pallotta in tribuna: questa partita è come un derby, si vince e basta”. “La dichiarazione di Walter dimostra che siamo tutti uniti, da soli, e dobbiamo lottare per i nostri obiettivi – ha aggiunto Garcia, commentando una recente frase del ds Sabatini (“Se affondiamo, affondiamo tutti”) – La squadra c’è, la società ha dimostrato di essere unita in un momento in cui la ruota della fortuna non gira a nostro favore, come visto in occasione del rigore subito a Torino, ma dobbiamo uscire da questo momento. Sta a noi spingere forte e rimettere le cose a posto, parla solo il rettangolo verde. Abbiamo una voglia feroce di vincere, ci interessa solo passare il turno in Champions, cosa che non capita spesso, ed essere presenti ai sorteggi di Nyon”. Accanto al mister giallorosso c’è Edin Dzeko, che nella capitale non sta ripetendo le stagioni passate: “Se non segno è solo colpa mia, avrei dovuto fare meglio ma sono ottimista per il futuro e sul mio apporto alla squadra. I gol arriveranno”. “Non mi piace perdere – ha ammesso l’attaccante bosniaco – Domani è una partita importante e vogliamo raggiungere il nostro primo obiettivo, la qualificazione agli ottavi di Champions. L’Olimpico sarà mezzo vuoto? Abbiamo bisogno del supporto dei tifosi, cos√¨ come avvenuto contro Juventus e Barcellona, ed è importante ci supportano e ci seguano”. Sul suo momento decisamente no: “Critico me stesso e accetto la situazione, sono però positivo e da domani cercherò di segnare di più e migliorare la situazione. Periodi cos√¨ li ho vissuti anche in passato, ci penso anche quando torno a casa, ma non voglio troppo concentrarmi su questa situazione”. Infine, sulle possibilità di scudetto della Roma: “Se giochiamo come nelle ultime partite, non lo vinceremo, però possiamo migliorare e lo scudetto non si assegna a dicembre. Vedremo alla fine come sarà andata”.
(ITALPRESS).