Puteolana 1902. Una vittoria senza allori, ma con contestazione verso la società

Alla prima apparizione nel campionato di Serie D, la Puteolana riesce a mantenere inviolato il Domenico Conte. Potrebbe essere una giornata da ricordare e per festeggiare, ma certamente così non è. I flegrei scendono in campo, nella propria tana all’indomani di tante peripezie, che ha visto la società barcamenarsi per trovare l’autorizzazione. In serata l’ok dal Sindaco Figliolia, dopo aver chiuso la porta in faccia a Casapulla e i suoi. L’ipotesi Barra, ma anche quella di non presentarsi, causa la mancanza di un campo su cui disputare il match.

Alla fine il Città di Fasano scende in campo sul terreno del Conte, sotto la pioggia battente e una formazione composta da calciatori giovanissimi: under e due over, oltre che i ragazzi della Juniores a completare il numero legale per rendere lecita la gara. In panchina Luca De Martino, tecnico della formazione giovanile, che si è preso l’onere di guidare i ragazzi della prima squadra in una categoria interregionale al cospetto di un girone infernale.

I ragazzi in campo non hanno nulla da perdere, se non cercare di conquistare una tifoseria ormai lontana dalla società, ma non dalla maglia. All’esterno dello stadio, intanto, la contestazione nei confronti di Emanuele Casapulla presente in panchina. Flegrei che al 21′ vengono salvati da un fuorigioco, nella prima azione utile per il Fasano di Raimondo Catalano. Intanto la pioggia aumenta e all’esterno dello stadio i supporters granata continuano la contestazione, fino al lancio di petardi in campo e fumogeni che costringe il direttore di gara a sospendere il match, al 22′. Dopo la ripresa arriva al 28′ un’altra sospensione, causa questa volta la pioggia.

Minuti persi e partita che viene ripresa con il cronometro che segna il minuto 24. Poco più tardi l’occasione per Cavaliere con il portiere della Puteolana a rispondere presente. Nella ripresa il Fasano prova ad alzare il baricentro, riuscendoci. All’11’ occasione per Bernardini che non c’entra, però, la porta. Al quarto d’ora della ripresa arriva il vantaggio dei padroni di casa con Di Caterino. Catalano opta per un triplo cambio e arriva subito il pareggio. Ci pensa Russo al 19′.  Puteolana che gioca con il cronometro e Fasano che pressa alto alla ricerca dell’errore da frustrazione, che, però, non arriva. Ci provano Cavaliere, Narese e Martinez, con il secondo che si vede parare un gol praticamente fatto dall’estremo granata.

In pieno recupero arriva il vantaggio della Puteolana. E’ il 92′ e il Fasano paga un contropiede avversario, con Festa che si invola verso la porta e Medina, servito, che va in gol.

La Puteolana guadagna, quindi, i primi tre punti della gara, ma a festeggiare sono solo i ragazzi in campo e la dirigenza, mentre la tifoseria si mantiene a distanza e contesta Casapulla.

Condividi