Pompei-Ischia lascia polemiche, Mango e la furente reazione social

Era il big match di giornata, assegnava tre punti di fondamentale importanza per la vetta di un girone intero. Pompei- Ischia è stata una gara bellissima, piena di ribaltamenti di fronte e di occasioni, godibile e abbastanza corretta. Tasso tecnico elevato e motivazioni hanno scavalcato il diluvio biblico di una giornata quasi invernale, ma se la gara è stata piena di colpi e infiammata dai 22 protagonisti il post viene incendiato da una sola persona. Il numero 1 dei pompeiani, il presidente Mango.

Negli istanti immediatamente successivi la fine della gara, l’imprenditore ha affidato ai social le suoi reazioni a caldo dopo la sconfitta odierna. Partiamo da quanto scritto su Facebook, oltre ad aver postato una foto che lo immortala nella solita maschera di tensione prematch ha aggiunto questa descrizione.

Tutto deciso a tavolino, che vergogna. Mi invita a riflettere

Da cosa scaturiscono tali parole? Dove nasce questa forte e diretta accusa? Come già dicevamo, quella tra flegrei e isolani non è stata una gara troppo maschia, anzi le due squadre si sono rispettate senza mancare di qualche piccolo parapiglia. Solo uno l’evento dubbio, ma neanche troppo, che potrebbe  essere finito nelle mire  furenti di Mango. Nelle battute centrali della sfida, Galesio viene in contatto con Trofa in area. Il Pompei chiede ed urla al rigore, il direttore di gara serafico lascia proseguire.

Poco dopo il numero uno della società flegrea ha postato la stessa foto anche su Instagram ma stavolta cambiando il messaggio, interpretabile più come uno scusarsi per essere usciti senza punti dalla gara dello stadio Bellucci.

Non puoi tornare indietro e cambiare l’inizio, ma puoi iniziare dove sei e cambiare il finale. Mi scuso con tutti i Pompeani.

Accuse, parole e riflessioni di un presidente che vede i suoi soccombere nella gara più importante ma che prova ad alzare la voce verso episodi o presunti tali a suo  sfavore. Intanto il suo Pompei torna nella mischia a rincorrere la capolista Ischia, che prende le accuse e sgasa con tre punti in più verso la bella isola.