Pomigliano. Moracci: “Campo in pessime condizioni. Testa bassa e lavorare”

Smaltita la delusione per il pari interno di domenica contro il Gela, ripresa degli allenamenti in casa Pomigliano. Al chiuso degli spogliatoi, il tecnico Seno ha catechizzato a dovere i suoi ragazzi con un confronto sano e tutto incentrato su quanto avvenuto nella gara d’esordio al Gobbato. Allenamento intenso col morale buono della truppa granata. Il prossimo ostacolo da affrontare è una compagine siciliana:la Sicula Leonzio corsara in trasferta sul campo del Due Torri per 2-0.

Tra i più in forma di tutto il gruppo granata decisamente Leonardo Moracci un passato in Lega Pro e sceso di categoria per dare una mano ad una piazza pronta a lottare con tutti gli artigli per centrare la salvezza in serie D. La sua chiave di lettura del match è chiara:Contento per il gol e abbraccio dei compagni ma non è bastato. Abbiamo fatto poco per centrare i tre punti. Il Gela ha creduto di più e portato a casa il pareggio meritato per loro. Le condizioni del campo Facevamo fatica a salire, qualche punizione regalata, loro a replicare, il campo nella zona destra è in pessime condizioni. Dobbiamo allenarci sempre qui, dobbiamo essere più svegli. Si deve ripartire da un buon primo tempo, dal sacrificio di tutti, dall’incitamento dei ragazzi del primo tempo, dal lavoro quotidiano ed andare avanti.

Per permettere la sistemazione del manto erboso del Gobbato, la squadra si allenerà per un mese presso la struttura Micri in via Carafa a Casalnuovo. Per quanto riguarda gli infortunati, da valutare le condizioni degli atleti Pisani, Mattioli e Labriola.

MARIO FANTACCIONE

Condividi