Perugia – Benevento 1-2,le voci dei due mister

Ai microfoni del nostro inviato Domenico Esposito, mister Filippo Inzaghi, tecnico del Benevento e Serse Cosmi, allenatore del Perugia, hanno commentato la vittoria dei giallorossi sul campo del Perugia.

Inzaghi : “Il Perugia ha grandi individualità, abbiamo rischiato poco e sono felice. I punti di vantaggio sono tanti sulle inseguitrici e faccio i complimenti ai ragazzi per la concentrazione che riescono ad avere. La viviamo male perché siamo tutti in un limbo perché si capisce poco. Sarebbe bello giocare per dimenticare ma la salute viene prima di tutto. Certo è brutto vedere stadi chiusi o vuoti ma è necessario tutelare il pubblico. Quello che è più problematico è il clima di incertezza. I ragazzi meritano tanto per quello che stanno facendo: lo meritano perché so come hanno lavorato dal primo giorno di ritiro”.

Cosmi:”Se prendiamo a riferimento le ultime partite dobbiamo arrabbiarci: se a Pisa avessimo giocato come stasera avremmo potuto ottenere un altro risultato. Anche stasera, specie nel primo tempo, non avremmo meritato lo svantaggio. Abbiamo creato quello che potevamo creare e poi abbiamo subito un gol sul quale c’è da valutare se c’è fallo di mano. Scagiono l’arbitro perché, seppure Caldirola avesse toccato con la mano, il direttore di gara non poteva vederlo. Nella ripresa ho chiesto alla squadra di rimanere attaccata alla partita; quando abbiamo subito il secondo gol ci è caduto il mondo addosso. Considerato l’avversario, oggi ho poco da rimproverare alla mia squadra. Ora c’è solo da resettare e pensare al prossimo avversario che è la Salernitana. Coronavirus? Quello che sta succedendo in Serie A non è normale ma la cosa strana è la differenza con la Serie B. Per quanto ci riguarda, la stiamo vivendo con molta serenità”.