Pedrabissi, la freccia per l’arco di Maiuri che incanta Sorrento

Ore 18:12 di un tardo pomeriggio di metà agosto, in campo due squadre che si sfidano per l’accesso a turno successivo di Coppa Italia Serie D, da un lato la neopromossa Giugliano e dall’altro il rinnovato Sorrento, una gara in equilibrio, fino all’espulsione di Mennella. Arriva però il quarto dopo di gioco della ripresa e qualcosa cambia radicalmente, per i rossoneri al 57′ entra Thomas Pedrabissi al posto di Vitale. Il numero 20 ci impiega pochi minuti per far capire di che pasta è fatto, prima procurandosi il calcio di rigore non concretizzato da Bonanno, poi servendo l’assist per il vantaggio di Gargiulo ed infine mette il sigillo sulla partita raddoppiando a pochi minuti dalla fine. Game, set, incontro si potrebbe dire in termini tennistici, perchè difatti mette in mostra il suo valore, poi si porta avanti ed infine chiude la sfida con un tocco “morbido” alla destra di Maisto.

UN ESTERNO VENUTO DA LONTANO – Ma chi è questo Thomas Pedrabissi? Ufficializzato dal Sorrento ad inizio mese, Pedrabissi nasce calcisticamente nel settore giovanile dell’Inter, arrivando fino nella Primavera nerazzurra, prima di passare con i pari età del Cesena. La squadra romagnola gli da l’opportunità di esordire tra i grandi in Serie B, in uno scampolo di partita, 15 minuti, contro il Pescara, subentrando a Marilungo. Par la cronaca si imposero i delfini col risultato di 2-0, questa però fu la sua seconda chiamata, precedentemente era già stato portato in panchina, senza entrare, contro lo Spezia. Era la stagione 2013/2014, il Cesena a fine campionato raggiunge la Serie A vincendo i play off, ma ai nastri di partenza del massimo campionato italiano Thomas non c’è, è stato ceduto in prestito al Santarcangelo in Serie C, scendendo in campo in 15 occasioni. Conclusa anche questa esperienza si aprono le porte del campionato Svizzero, al Taverne, squadra semiprofessionistica militante nella Liga 2 Interregionale. Qui Pedrabissi trova una buona continuità e anche le reti, che gli consentono di strappare un ingaggio alla Pergolettese, in Serie D, dove resta per una stagione e mezza prima di trasferirsi al Varese, sempre in D dove nel girone di ritorno realizza 4 reti in 8 gare partendo da titolare, per un totale di 14 presenze in maglia biancorossa. La scorsa stagione parte titolare nel Borgosesia, 7 reti per lui in 31 apparizioni, ma si sa il calcio dilettantistico è sempre un punto interrogativo, ogni estate ed ogni inverno si può cambiare e Thomas trova l’accordo giusto con il Sorrento. Una storia appena iniziata, dove fa notare le sue qualità negli allenamenti e in amichevole, per poi risultare decisivo alla prima gara ufficiale.

MAIURI HA LA SUA FRECCIA – Pedrabissi, nato il 1 giugno a Como nel 1995, è un’ala sinistra che può adattarsi a giocare da seconda punta e all’occorrenza anche da punta centrale, nonostante non abbia la stazza dell’uomo d’area. Estro e rapidità, le sue armi più fatali, un ottimo giocoliere del pallone capace di pungere e mettere in difficoltà le difese. Un’autentica freccia che ieri si è ben presentata ai suoi tifosi. Il tecnico Maiuri potrà essere felice per l’ingaggio di un calciatore che darà la spinta giusta al Sorrento per raggiungere gli obiettivi stagionali.

Gianfranco Collaro

credit photo: Foto di Marco Rossi/TuttoCesena.it