Pandev: “Scudetto? Ci abbiamo creduto”

“Lo scudetto? Ci abbiamo creduto, anche se la Juve ha avuto più continuità: ha vinto sempre con le piccole e noi ne abbiamo sbagliate alcune soprattutto al San Paolo. Mi riferisco a Bologna e Sampdoria”. All’indomani della cena di fine stagione, il napoletano Goran Pandev parla ai microfoni di Marte Sport Live:”La cena e’ andata bene, eravamo tutti contenti, abbiamo centrato l’obiettivo della Champions. Ci siamo divertiti davvero. La nostra stagione e’ stata positiva: abbiamo avuto la forza di superare un momento difficile, ci siamo parlati ed e’ andata bene. Abbiamo parlato pure con il presidente: le ultime dieci partite sono state di grande livello. I miei gol?
Mi sarebbe piaciuta la doppia cifra, ma ho avuto un periodo di scarsa forma, un infortunio, mi rifaro’ il prossimo anno. Sono stato favorito anche dal nuovo modulo, ho giocato piu’ vicino a Cavani e ho avuto maggiore possibilita’ di segnare. Con il Matador e’ piu’ facile fare assist, fa grandi movimenti, e’ impressionante. E’ assolutamente micidiale. Ci conosciamo a memoria: giochiamo insieme da due anni. Speriamo che possa restare. Il mio futuro legato a Mazzarri? Ho ancora due anni di contratto, ho fatto la mia scelta di venire qua e mi fa piacere se resta pure Mazzarri. Nel calcio ognuno si prende le sue responsabilita’ e fa le sue scelte. Mi avrebbe fatto piacere tenere Cavani e Mazzarri un anno anche con 3-4 giocatori nuovi, in modo da lottare per lo scudetto. Il presidente De Laurentiis comunque ha detto che fara’ una grande squadra a prescindere: i tifosi del Napoli se lo meritano. Siamo cresciuti tanto, faremo di nuovo la Champions, dobbiamo fare una grande stagione. A noi manca solo un pizzico di continuita’ anche se la Juve negli ultimi due anni ha fatto qualcosa di straordinario”.

Il macedone ha anche parlato della sfida di Roma:”Noi vogliamo chiudere in bellezza, speriamo di vincere e poi ci godiamo le vacanze. Per me e’ anche un derby, sono stato alla Lazio. L’anno prossimo noi dobbiamo puntare allo scudetto anche se la Champions e’ una grande manifestazione. Insigne? Puo’ crescere ancora tanto, ha qualita’, ascolta dei consigli, e’ un giocatore molto forte. E’ il futuro del Napoli. L’espulsione di Pechino e’ stato il momento piu’ brutto della stagione, sappiamo come e’ andata, volevamo vincere il trofeo. Poi mi sono chiarito con Mazzoleni. Il gol piu’ bello? Quello con il Milan e’ stato fondamentale. I rigori? Li lascio ad Edi, cosi’ resta”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *