Panchine calienti. La situazione in Campania

La situazione per gli allenatori in Campania non sembra particolarmente stabile in questo avvio di stagione. In diverse categorie sono già saltate diverse panchine. Dalla Gelbison, alla Sanciprianese, ma non solo.

Nell’ultima settimana solo in Eccellenza, nel girone B, sono stati cambiati i tecnici di Buccino Volcei e Vico Equense, per poi passare alla Promozione con gli addi in casa Casal di Principe, Virtus Goti e Sanciprianese. Questa settimana, si apre con altre vittime. Il Savoia, reduce dalla sconfitta di Pompei prende il tecnico, Antonio Barbera. Oltre a lui, in Eccellenza si saluta anche Giovanni Baratto, esonerato dal Pomigliano dopo la rovinosa sconfitta contro l’Ischia. In mattinata si è risolto anche il rebus riguardante Giuseppe Sannino, assente ieri in panchina, e che oggi ha rescisso il contratto con la Nocerina.

Potrebbe non finire qui. Analizzando la situazione in classifica, la panchina di Fabrizio Perrotti non era particolarmente stabile. Il suo Matese, infatti, non era proprio entusiasmante. Dalla sua c’è l’età della squadra: molto bassa. Una rosa ricca di giovani over 2000, tra under e neo-over, che hanno bisogno di tempo per ingranare bene. Ora è tornato Urbano, tecnico delle ultime annate.

Posizione più delicata, invece, per la Polisportiva Santa Maria. Di Gaetano al momento non sembra essere in discussione, ma i zero punti in tre gare ed un solo gol segnato gridano vendetta. Soprattutto per un mercato ricco di conferme e di giocatori esperti. Incontri ravvicinati per i giallorossi che potrebbero aver messo in stand-by la decisione, ma aver aperto ad un ultimatum.

Sempre in Serie D, ma cambiando girone. Attenzione forte su quello che sarò il futuro di Antonio Floro Flores. Il suo Angri è al terzultimo posto in classifica, con una sola vittoria e quattro sconfitte. Una neopromossa, è vero, ma che con gli innesti e le conferme non può pensare di poter vivere la stagione in bilico tra la zona play-out e la zona retrocessione.

In Eccellenza situazioni ancora non critiche per diverse squadre. Infatti le squadre in posizioni più delicate sono le stesse che hanno già cambiato i propri allenatori. Per il MonteCalcio, invece, la situazione è molto simile a quella del Matese: un allenatore giovane, con una squadra altrettanto giovane. Il posizionamento in classifica, dunque, potrebbe essere solo un incidente di percorso di inizio anno.

Lo stesso potremmo dire anche per il Carotenuto, arrivato da promosso in Eccellenza con alla guida un giovane tecnico al terzo anno di panchina. Bianco, infatti, ha esperienza con le giovanili della Casertana e proprio con il Carotenuto con cui ha vinto il campionato l’anno scorso. Posizione, dunque, che potrebbe tenerlo ben saldo alla panchina ancora per un po’ prima di poter pensare ad un cambio di gestione. Una scommessa in tutto e per tutto per i dirigenti rossoneri disposti a un ritardo di punti, in un campionato in cui arrivano da neofiti.

Non si può dire lo stesso per il Giffoni Sei Casali. Una promozione storica quella dei giallorossi, che hanno scelto come timoniere Ciccio Messina. Allenatore esperto in una squadra composta sì per la permanenza in categoria, ma non certamente faticando. Nomi importanti nella rosa del Giffoni, che vanta calciatori come Aliperta, Guerrera, Arzeo, tra gli altri. Una sola vittoria, quella con il Buccino alla prima, poi due sconfitte con big della categoria e un’amara rimonta contro il Sant’Agnello. In questo week-end la caduta contro il Montemiletto, per uno scontro diretto alla salvezza.

Le prossime settimane potrebbero essere decisive per capire cosa ne sarà di Messina, anche perchè già nel prossimo fine settimana, la formazione dovrà fare i conti con un altro scontro diretto. In casa del Faiano l’occasione per rimettersi in riga, seppur allo stato attuale, i biancoverdi sembrano essere una big, avendo 10 punti in classifica.

Ultima situazione da sorvegliare è quella del Frattamaggiore. Alla guida c’è Biagio Auletta, una formazione ricca di calciatori interessanti ed esperti. Squadra creata con gli auspici di arrivare subito in Eccellenza, direttamente o tramite play-off.  Una sola vittoria, una partenza davvero complicata nel girone B di Promozione e una lunga squalifica per il tecnico rimediata la scorsa settimana. Anche in questo caso saranno i prossimi impegni a dettare il futuro.