Paganese. Bocchetti e Caccavallo domano la Lupa

Quella con la Lupa Castelli Romani, per la Paganese, sulla carta era una partita molto semplice, ma Grassadonia, in conferenza stampa, ha chiaramente dichiarato la sua preoccupazione, visto il cambio panchina che vedeva protagonista proprio la squadra capitolina. I fatti hanno smentito il mister azzurrostellato.

IL MATCH ‚Äì I 95 minuti di Lupa Castelli Romani-Paganese possono essere riassunti semplicemente con una frase: domino azzurrostellato. Infatti la Paganese sblocca subito la partita, al 7o minuto, con Bocchetti, che qualche minuto dopo ha sfiorato il raddoppio, ma stavolta la precisione non l’ha premiato. La squadra di Palazzi ha avuto solo un’occasione nel corso del primo tempo, mentre la squadra di casa ha bombardato l’area di rigore avversaria come fosse la trincea nemica durante una guerra. Deli, Caccavallo, Vella e Bocchetti sono i primi protagonisti di questa vittoria. Nel secondo tempo la trama non cambia. La Paganese attacca da tutti gli angoli, mentre la Lupa Castelli Romani cerca di limitare i danni. All’81a minuto Caccavallo scrive la parola fine su una partita dal risultato bugiardo. Le occasioni per la squadra di Grassadonia sono state tante, da poter pesare ad una vera e propria goleada.

La Paganese arriva 32 punti in classifica in attesa dei risultati delle dirette concorrenti. Intanto delle altre partite del Girone C di Lega Pro si registrano il pareggio -che interessa molto gli arruzostellati- tra Messina e Matera; e la vittoria netta e convincente sul Foggia di De Zerbi.