Oltre il 90º. Intervista doppia, Dionisi e Luciani ai raggi X

Con il pareggio di domenica al Partenio-Lombardi di Avellino, il Savoia ha cominciato il suo campionato di Serie D. Un derby e qualche polemica per l’esito della sfida contro il San Tommaso, ma la concentrazione resta massima per la prossima uscita tra le mura amiche del Giraud.

Intanto, però, i calciatori si lasciano a qualche minuto di svago e di divertimento. Senza prenderci troppo sul serio, la redazione ha deciso di conoscere meglio due calciatori, che hanno già vissuto insieme l’esperienza di Civitavecchia. Stiamo parlando di Matteo Dionisi e Tiziano Luciani, che hanno accettato di sottoporsi a un’intervista doppia.

Nome e ruolo.

Luciani: Tiziano, centrocampista”.
Dionisi:Matteo Dionisi, difensore, o almeno ci provo”.

Segni particolati

Luciani: “Naso rotto”.
Dionisi: “Rosicone”.

Il vostro lato migliore?

Luciani: “Il lato B”.
Dionisi: “Mia figlia, per fortuna è uscita bene”.

Il lato migliore dell’altro?

Luciani:Nessuno“.
Dionisi: Le qualità nascoste”.

Il lato peggiore dell’altro?

Luciani: “Rosica troppo, anche quando ha evidentemente torto”.
Dionisi: “Rosicone”.

Cos’hai pensato quando l’hai visto la prima volta?

Luciani: “Che bel ragazzo….Ma poi l’ho visto da vicino e ho cambiato idea”.
Dionisi: “Gli altri 20 centimetri di altezza quando arrivano?”

In cosa sei più bravo calcisticamente parlando?

Luciani: “In tutto ovvio, a parte nel marcare”.
Dionisi: Menare e marcare”.

In cosa è più bravo l’altro?

Luciani: E’ più bravo di me a tirare i palloni fuori dallo stadio”.
Dionisi: “Ancora lo devo capire”.

Il suo difetto in campo?

Luciani: “Sempre lo stesso, si innervosisce e rosica”.
Dionisi: “Litiga con tutti e, poi, lo devo difendere”.

In che occasione vi siete conosciuti? E cosa ricordi con maggior piacere di quel momento?

Dionisi: Ritiro ad Amatrice col Civitavecchia..le serate in balcone, con copertina..Ah no, quello era il centrocampista vero”.
Luciani: “E’ talmente vecchio che non si ricorda che sono arrivato dopo il ritiro, pensa come sta messo! Comunque, a Civitavecchia, parecchi anni fa. Le cene in casa, a dire cazzate tutto il tempo..il nostro sport preferito“.

Cos’hai pensato quando l’hai ritrovato al Savoia?

Luciani: “Menomale che lo sapevo, se lo avessi visto all’improvviso mi sarebbe preso un colpo”.
Dionisi: “Noooooo, un’altra volta! Mi tocca fare un miracolo, anche quest’anno”.

Il ricordo più bello della tua carriera?

Luciani: “Le tre vittorie dei campionati, ma quella di Rieti in modo particolare, perchè eravamo diventati una famiglia, più che una squadra”.
Dionisi: “Le cinque vittorie dei campionati. Ognuna mi ha lasciato un’emozione diversa”.

Il ricordo più brutto?

Luciani: Il fallimento dell’Atletico Roma”.
Dionisi: Il fallimento del Rovigo Calcio, in un’annata che in cui avremo potuto lottare per vincere”.

L’obiettivo di quest’anno?

Luciani: “Arrivare più in alto possibile”.
Dionisi: “Concordo, arrivare il più in alto possibile”.

L’avversaria più temibile?

Luciani: “Credo, per blasone storia e squadra, il Palermo”.
Dionisi: “Il Palermo, per blasone”.

Cosa pensate del fatto che siete in sintonia sulle risposte?

Luciani: “Che mi copia sempre, mi imita”.
Dionisi: “Tra ignoranti ci capiamo”.

Quante diagonali/passaggi sbaglierà?

Luciani: “Troppe per tenere il conto. Speriamo che le sbagli sul 3-0 per noi”.
Dionisi: “Speriamo il meno possibile..Tiziano noi siamo quelli con la maglia bianca”.

Pronostico di fine stagione: a che posto arriverete?

Luciani: “No comment”.
Dionisi: “Non si dice”.

Un messaggio all’altro?

Luciani: “Stai sereno che ci sono sempre io”.
Dionisi: “Dai tranquillo, quest’anno rigiochiamo insieme”.

Un messaggio ai tifosi, per chiudere?

Luciani: “Una cosa è certa, daremo sempre l’anima … sempre!!!”
Dionisi: “Bianchi alè, uniti fino alla fine!”

Si ringraziano Francesca Flavio, la società Savoia, i due calciatori e il CignoArt per la disponibilità e si augura di raggiungere tutti gli obiettivi prefissati.

Cristina Mariano

Ph credit Il CignoArt

Condividi