Nocerina. Caso Cura Italia, Natale: “Valutiamo un’eventale costituzione di parte civile”

L’ambiente Nocerina, stamane, è stato scosso dall’ennesima problematica derivante dalla passata gestione, quella di Maiorino. Nonostante l’ex presidente nel giorno del passaggio di consegne dichiarava di aver lasciato una società sana, oggi è arrivato un deccreto di sequestro preventivo dal Tribunale di Nocera Inferiore e relativo al pasticcio “Cura Italia” (LEGGI QUI).

Non si è fatta attende la risposta del presidente Giancarlo Natale, che fa le sue precisazioni sul caso:

L’ASD Nocerina calcio 1910 in merito alle indagini svolte dalla procura di Nocera Inferiore che ha visto eseguire un provvedimento giudiziario di confisca, per l’equivalente valore di 100.000 euro per false dichiarazioni al fine di intascare i ristori del decreto Cura Italia, eseguita questa mattina dai carabinieri.

PRECISA

che la nuova dirigenza non ha nessun tipo di rapporto con il precedente management del club interessato dalle indagini. L’attuale proprieta’ ritenendosi comunque danneggiata dalla vicenda e visto il clamore mediatico che la stessa ha suscitato, ha dato mandato ai suoi legali di seguire l’evolversi dell’inchiesta e di provvedere conseguentemente. Pertanto non si esclude un’eventuale costituzione di parte civile, per salvaguardare l’immagine della società e dei nuovi imprenditori proprietari della stessa.

Nocera Inferiore, 23 marzo 2022

Il presidente
Giancarlo Natale