Nazionale. Prandelli rassicura Buffon: “E’ lui il nostro numero uno”

Non c’è nessun caso-Buffon. Gigi ha la massima fiducia e sarà il titolare della Nazionale. Il ct azzurro Cesare Prandelli, a Vercelli per ricevere il premio Piola mette tutti a tacere e conferma Buffon portiere azzurro per i prossimi Mondiali in Brasile malgrado qualche polemica che ha investito il numero uno della Juventus e della Nazionale. Vista l’occasione di questo premio in Piemonte, inevitabile il parallelo tra Piola e Totti e il record di 290 gol che il capitano giallorosso intende attaccare:¬´Piola fa parte dell’immaginario dei calciatori della mia età. Totti è un campione straordinario: sarebbe bello potessero, a fine carriera, aver segnato lo stesso numero di gol. Senza vincitori. Totti e il mondiale? L’ho sempre sostenuto: se Totti sarà in queste condizioni a fine campionato non si può ignorarlo. Però è meglio non parlare troppo per non gufare visto l’infortunio in cui è incorso¬ª. Ormai il pensiero è rivolto ai mondiali di Brasile 2014: L’Italia non testa di serie? E’ una questione dolorosa su cui è inutile tornare ‚Äì dice Prandelli -. Se mai occorrerebbe rivedere i criteri in base ai quali viene assegnata questa classifica. Non è possibile che l’Italia, senza sconfitte nelle ultime qualificazioni per Europei e Mondiali non sia tra le prime otto¬ª. La difesa della Juve incassa troppi gol? Sono modificate un po’ le norme, un po’ penalizzanti per le difese. Occorre adattarsi a queste nuove situazioni in cui, per evitare il rigore, si è costretti a lasciare più spazio in area agli attaccanti avversari¬ª. Infine un accenno al mito di Piola: ¬´E’ un’emozione ricevere un premio intitolato alla sua figura. Piola era un altro di quei giocatori che, anche a 38 anni, un ct non avrebbe avuto il minimo dubbio a convocare in Nazionale¬ª.
(ITALPRESS).

Condividi