Napoli-Liverpool 2-0. Gli azzurri in coro: “Importante vincere, abbiamo dato tutto”

Al termine della prima gara di Champions League tra Napoli e Liverpool, alcuni dei calciatori azzurri si sono soffermati ai microfoni di Sky e Mediaset per delle dichiarazioni a caldo.

“Se l’arbitro ha fischiato il rigore è rigore, c’è stato contatto -commenta Josè maria Callejon a Mediaset- Ci conosciamo molto bene, ci siamo affrontati tante volte, è stata una partita molto tattica. Loro creano molto pericolo, noi abbiamo difeso bene, nella ripresa abbiamo avuto qualche calo, abbiamo corso tanto, ma negli ultimi 15-20 minuti la partita è stata dominata da noi, vittoria meritata. Siamo orgogliosi di aver fatto questa partita davanti ai nostri tifosi e le nostre famiglie, abbiamo lavorato molto bene in questi giorni dopo il campionato, tutti hanno corso e dato l’anima”.

“E’ stata una partita molto difficile -spiega Kalidou Koulibaly a Sky Sport- Sapevamo che il Liverpool veniva da cinque vittorie consecutivi, volevano prendere punti qui, ma noi siamo stati bravi a imporre il nostro gioco e conquistare la vittoria. Io e Manolas dobbiamo abituarci a giocare insieme. Sono tornato tardi dalle vacanze, ho giocato solo due volte con lui. Abbiamo preso tanti gol e stiamo lavorando su questo. Io ascolto un po’ di più lui, che ha bisogno di essere aiutato. Facciamo tutti bene insieme allo staff, ma possiamo ancora migliorare molto”.

Chiude poi il difensore centrale sui tifosi: ““Io provo a dare il 200% per questi tifosi, perch√© mi danno tanto affetto che voglio ripagare in campo. Faccio tanti interventi, voglio aiutare tutti per portare i colori del Napoli più in alto possibile. Quando c’è l’ovazione sono contento, io voglio fare sempre bene per loro”.

“Oggi era una partita importante e abbiamo dato tutto. Abbiamo corso tanto. -spiega Dries Mertens ai microfoni di Sky– Quando conquisti tre punti dopo una partita cos√¨ stai bene, ti fanno bene. Non significa niente aver battuto i campioni d’Europa se non continuiamo cos√¨, anche il Salisburgo è forte. Tocca a noi fare ancora bene nella prossima partita. Anche l’anno scorso abbiamo fatto bene contro il Liverpool. Abbiamo preparato bene la partita, sapevamo cosa fare. Nel primo tempo abbiamo tenuto poco la palla, ma abbiamo dato tutto. Il Salisburgo ha vinto 6-2, l’anno scorso l√¨ abbiamo perso e quindi dobbiamo continuare a lavorare. Domenica arriva il Lecce che sta bene”.

Conclude poi Carlo Ancelotti: “Con il Liverpool è difficile sempre, dall’inizio alla fine. L’idea era di non perdere, c’era da sacrificarsi. A volte abbiamo forzate giocate da dietro, era complicato perch√© loro pressano bene. Abbiamo provato a verticalizzare di più su Lozano. La partita è sempre stata in equilibrio. La squadra mi è piaciuta molto nel finale, sullo 0-0, ci siamo messi l√¨ e abbiamo difeso senza troppi fronzoli. Poi abbiamo segnato i due gol. Questa squadra vuole crescere, ci crede, ha tanta qualità. A volte ci si perde un po’, ma è normale. Mi è piaciuta molto la squadra quando la gara non era in controllo. E’ entrato Llorente che ci ha dato una mano in appoggio. Il primo gol nasce da una palla lunga. A volte mettere la palla lunga non è una bestemmia, dobbiamo saper fare tutto”.

“Sono arrivati calciatori importanti, con caratteristiche diverse, che migliorano la rosa. Ora si tratta di assemblarli. Non è facile perch√© queste gare vogliono giocarle tutti. Tra l’altro c’è questa regola dei sette calciatori in panchina che è brutta, è brutto mandare calciatori in tribuna. La partita di oggi era stata impostata per giocare molto sulla profondità, centrale quando la palla era dietro e dietro ai terzini quando la palla era un po’ più avanti. C’è stato il sacrificio, l’impegno, la volontà di tutti a difendere, anche bassi. A volte il calcio non ti permette di fare tutto quello che vuoi, a volte devi adattarti e noi l’abbiamo fatto bene –continua il tecnico a SkyL’idea è quella di pressare alti. Sul gol di Llorente eravamo in fiducia. Ma a volte puoi farlo e a volte no. A volte devi modificare un po’. L’identità resta sempre quella di una squadra che deve saper fare tutto. La partita sporca del Napoli mi è piaciuta”.