Napoli. L’ex Cannavaro: “Dietro alla spesa solidale c’è gente perbene”

Uno dei tanti personaggi illustri che resta costantemente in prima linea nella lotta al Coronavirurs, rendendosi utile alla causa con iniziative di solidarietà, è senza dubbio Paolo Cannavaro. L’ex capitano del Napoli è già da tempo sceso in campo per dare il proprio contributo in questa ostica e lunga battaglia al Covid-19.

Paolo Cannavaro si è schierato al fianco della propria terra d’origine, Napoli, sostenendola con delle grandi iniziative. Una di queste è stata la raccolta fondi dedicata per l’acquisto di beni di prima necessità. L’ex calciatore, adesso in Cina come collaboratore tecnico del fratello al Guangzhou, con la collaborazione degli Ultras Napoli 1972 della Curva B si è reso protagonista di una maxi spesa che è stata destinata alle famiglie indigenti del rione La Loggetta, situato nel quartiere di Fuorigrotta, dove proprio Fabio e Paolo Cannavaro sono cresciuti.

L’ultima iniziativa messa in piedi, invece, è stata quella attuata con la Fondazione Cannavaro-Ferrara. I fratelli Cannavaro e Ciro Ferrara, infatti, hanno allestito con la propria onlus un’asta benefica online denominata “Je sto vicino a te: Uniti per Napoli” che ha chiamato all’appello innumerevoli giocatori (CLICCA QUI). Questi, così come Ferrara ed i fratelli Cannavaro, hanno messo all’asta delle gloriose e leggendarie maglie con lo scopo di devolvere il ricavato alle famiglie più disagiate di Napoli.

Ma nonostante il senso del dovere e l’amore indissolubile che in molti dimostrano nei confronti della propria terra, sopratutto in questo momento di grande emergenza, c’è chi butta fango mettendo in dubbio anche la lealtà dei gesti di solidarietà. A diventare tema di discussione è stata proprio la maxi spesa che ha visto protagonista l’ex capitano del Napoli. Questo essere messo in dubbio, però, non è piaciuto affatto a Paolo Cannavaro che tramite il proprio canale Instagram ha deciso di rispondere a tono allegando al post foto e video dell’iniziativa in questione: “E’ già da un mese che io e tanti amici, grazie ad una colletta fatta con il cuore, abbiamo consegnato oltre 2.000 spese sul territorio napoletano (NON SIAMO GLI UNICI AD AVERLO FATTO MA CE NE SONO TANTISSIMI)…tutto il denaro e’ stato raccolto tramite bonifico. Gestito tramite un associazione autorizzata. Ogni acquisto e’ stato fatturato dal venditore. I tanti volontari insieme ai miei amici hanno provveduto alla divisione delle spese con l’utilizzo di guanti e mascherine e nonostante ciò hanno messo a rischio la salute e quella dei loro cari. Gli unici mezzi autorizzati a circolare hanno provveduto alla distribuzione con tutte le autocertificazioni del caso. Le persone che in questo momento sono state abbandonate dal nostro paese, sono state invece aiutate da tante persone perbene figli di questa città!!!! Questo messaggio lo pubblico solo per dare forza a chi ci sta mettendo tempo cuore e salute per portare aiuto alle famiglie più colpite da questa crisi..la tv e la stampa che provano ad affondarci non ci riusciranno mai !!!! Avanti napoli. Avanti amici…. e se fino ad oggi avevamo preferito l’anonimato durante le consegne, da oggi in poi gridiamolo forte e chiaro che dietro alla spesa solidale c’è gente perbene!!!!! Non so se la problematica sollevata dalla redazione delle iene esista o no, ma sarebbe un peccato oscurare il lavoro di chi invece con sudore sacrifico fisico ed economico sta dando una mano alla città di Napoli…. #napolimlike”.

View this post on Instagram

E’ già da un mese che io e tanti amici , grazie ad una colletta fatta con il cuore, abbiamo consegnato oltre 2.000 spese sul territorio napoletano(NON SIAMO GLI UNICI AD AVERLO FATTO MA CE NE SONO TANTISSIMI)…tutto il denaro e’ stato raccolto tramite bonifico. Gestito tramite un associazione autorizzata. Ogni acquisto e’ stato fatturato dal venditore. I tanti volontari insieme ai miei amici hanno provveduto alla divisione delle spese con l’utilizzo di guanti e mascherine e nonostante ciò hanno messo a rischio la salute e quella dei loro cari. Gli unici mezzi autorizzati a circolare hanno provveduto alla distribuzione con tutte le autocertificazioni del caso. Le persone che in questo momento sono state abbandonate dal nostro paese, sono state invece aiutate da tante persone per bene figli di questa città!!!! Questo messaggio lo pubblico solo per dare forza a chi ci sta mettendo tempo cuore e salute per portare aiuto alle famiglie più colpite da questa crisi ..la tv e la stampa che provano ad affondarci non ci riusciranno mai !!!! Avanti napoli. Avanti amici….e se fino ad oggi avevamo preferito l’anonimato durante le consegne, da oggi in poi gridiamolo forte e chiaro che dietro alla spesa solidale c’è gente per bene!!!!!non so se la problematica sollevata dalle @redazioneiene esista o no, ma sarebbe un peccato oscurare il lavoro di chi invece con sudore sacrifico fisico ed economico sta dando una mano alla città di napoli…. #napolimlike

A post shared by Paolo Cannavaro (@paolocannavaro) on

Nunzio Marrazzo