Napoli. Buon compleanno Mister

Alla soglia dei 60 Mister Sarri trascorre il suo compleanno ove non voleva (non per affetto per carità), ovvero nel giardino di casa.

Ma il prato verde che egli desiderava calpestare non era quello accanto alla falciatrice rossa ma affianco alla rete piena di palloni da distribuire ai suoi ragazzi. In sintesi insomma la sosta (sempre forzata per Maurizio) lo ha spiazzato, ma siamo sicuri che il solo profumo della sua sigaretta finalmente autorizzata a consumare in libertà gli darà la spinta vincente e nuove idee per presentare il suo Napoli al meglio, peraltro a ora di pranzo contro l’Atalanta bestia nera, il peggio che possa capitare per un perfezionista come lui che da sempre odia il nuovo corso del calcio televisivo, lui che, dalla piccola provincia era tutte le domeniche alle 15 sul campo a urlare in tuta esattamente come fa oggi invidiato da tanti colleghi per la semplicità e la bellezza del gioco azzurro.

Chissà se questo compleanno lo ricorderà a lungo tra qualche mese, per i tifosi intelligenti non cambierà nulla, per quelli esigenti un po’ meno, per i nostalgici varrà il parallelo col passato, per gli stupidi e provocatori aggratis non potrà farci nulla. Nella storia dei numeri, dei record e dei tabellini incredibili egli vi è già, chissà il mercato cosa gli riserverà certo è che lui ha tutto già in mente, nel bene e nel male, sa come catechizzare o aiutare i suoi ragazzi a percorrere al meglio il resto di un campionato che potrebbe farlo entrare nella storia della Società come il primo “senza Maradona”, tutti speriamo un giorno chissà, possa scivolargli giù la benedetta-maledetta tuta perch√© non era abituato ad alzare un trofeo, #fns #augurimisterdituttocuore

A cura di Giuseppe Giannotti

Condividi