MotoGP. Rossi: “A Le Mans punto al podio ma…”

A Le Mans e’ tutto pronto per la quarta prova del mondiale MotoGP, ma nella tradizionale conferenza stampa pre-evento, e’ ancora la gara di Jerez a tenere banco. Dopo il contatto tra i due iberici Marc Marquez e Jorge Lorenzo, i due si sono incontrati in aereo di ritorno verso Barcellona e si sono finalmente stretti la mano.
Nel parco chiuso della pista andalusa, fu proprio Lorenzo a rifiutare di stringere la mano del rivale, a caldo. ‘La cosa curiosa – ha detto Lorenzo – e’ che in un aereo da 300 posti sia capitato proprio accanto a Marquez. Il fatto, pero’ e’ un altro.
Io non ho nulla contro Marc, ma credo che la Direzione di Gara debba applicare delle sanzioni ai piloti che sbagliano. So che in questo sport ci sono dei contatti, ma e’ diverso se per rimanere in piedi bisogna cambiare traiettoria o rischiare di cadere. Bisogna che la Direzione di Gara applichi delle sanzioni per far capire ai piloti qual’e’ il limite’.
Per Marquez, invece, il problema non sussiste. Il giovane catalano riduce tutto l’episodio a un fatto di gara. Prima della conferenza stampa, comunque, la Race Direction aveva organizzato un meeting con tutti i piloti per discutere di alcune norme di comportamento per la sicurezza. Presa la parola Lorenzo non si e’ tirato indietro sul commentare il comportamento della Direzione, lasciando anche la riunione in anticipo, dopo aver terminato quello che aveva da dire.
Quella di Le Mans, comunque, sara’ un’altra gara ‘banco di prova’ per Valentino Rossi. Il nove volte iridato sulla pista della Loira ha ottenuto due podi anche con la Ducati, in condizioni sia di asciutto che di bagnato. ‘Bisogna cercare di fare una gara migliore rispetto a Jerez. Qui in Francia di solito la Yamaha va molto bene. Ma la Honda ci ha impaurito a Jerez, perche’ sono andate fortissimo. A me piacerebbe arrivare davanti a loro, ma il mio primo obiettivo e’ Lorenzo. Sara’ difficile perche’ lui sta andando veramente forte. Certo anche il podio mi piacerebbe molto, ma per ora sono il quarto dei quattro. Marquez, Pedrosa e Lorenzo stanno andando veramente forte e sul podio di posti non ce ne sono cosi’ tanti di piu”.
Sulla carta quella di Le Mans e’ una pista amica delle Yamaha, ma lo era anche Jerez, dove le Honda hanno dominato.
‘E’ dura dire quale andra’ meglio qui. Da quando la Honda ha cambiato il telaio, lo scorso anno a Brno, dopo i test, quella moto e’ cambiata radicalmente, facendo anche faticare Lorenzo, che vinse solo a Misano per poi faticare fino a fine stagione. A parte il Qatar, quest’anno dove forse le Honda hanno avuto dei problemi e noi siamo arrivati primo e secondo, dopo siamo tornati allo scorso anno. La nostra moto e’ molto buona, ma sembra che la Honda abbiano fatto un passettino. Ma io dopo due anni di Ducati come obiettivo ho Lorenzo, sara’ semmai lui che deve parlare delle Honda, io ho gia’ il mio da fare cosi’, e spero sempre che la Yamaha lavori per fare ancora meglio’.

Fonte: Ansa

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *