Morte Kobe Bryant. Belinelli critica la carta stampata: “I giornali sportivi in Italia non sono sportivi. Vergognatevi”

La morte di Kobe Bryant ha lasciato sicuramente il segno nel cuore dei tanti amanti dello sport con la palla a spicchi, tanto da avere una risonanza mondiale nel brevissimo tempo decorso dopo il tragico evento. Sui social è iniziata immediatamente la commemorazione di fans e personaggi del mondo dello sport, non solo del basket, mentre sulle uscite odierne dei quotidiani, tutti hanno ricordato la leggenda della NBA riservandogli la prima pagina. Abbiamo detto tutti? Non proprio, perchè i giornali italiani hanno dato spazio in primisi al calcio, forse, almeno per loro, la sconfitta della Juventus o la vittoria del Napoli ha più rilevanza. Questo non è passato inosservato sotto gli occhi di colleghi e sportivi che fin da subito hanno condannato il comportamento delle redazioni nazionali sportive. Anche Marco Belinelli, attraverso il proprio profilo di Twitter non è andato leggero nei confronti dei colleghi pomposi della carta stampata, criticandoli aspramante per come hanno riportato la notizia della morte di Kobe Bryant, se paragonati a quelli di tutto il mondo.

Ecco il tweet:

Leggendo le prime pagine, del resto, sembra proprio difficile dar torto alla guardia dei San Antonio Spurs.