Mondiale/F. Buona la prima per il Setterosa, 9-7 al Kazakistan

No panic. Keep calm. L’Italia soffre. Si trova sotto 3-0 dopo 7 minuti. Statica. Paralizzata dalla tensione. Poi recupera, rimonta e vince. L’esordio col Kazakistan è stato dai molteplici volti. Scoraggiante nel primo tempo; impetuoso a cavallo del secondo e terzo e razionale nel quarto. Il citt√¨ Fabio Conti immaginava un debutto cos√¨. “Abbiamo una squadra giovane. Sapevo che ci sarebbero potuti essere alti e bassi. Abbiamo avuto la forza di reagire, piazzare il break risolutivo e gestirlo. L’importante era vincere. Rompere il ghiaccio. Nel corso del torneo giocheremo meglio. A cominciare dall’Ungheria. Partita difficile, contro una delle squadre favorite per la conquista della medaglia e già determinante per un ottavo di finale morbido. Comunque ogni torneo a una storia a s√©. L’ho detto e lo ripeto. Non c’è avversario più temibile di noi stessi”.
E Il Setterosa campione d’Europa dimostra proprio questo nel primo tempo, quando va sotto 3-0, fallisce due superiorità numeriche consecutive e due conclusioni a tu per tu col portiere. Poi la risalita. Grazie alle azioni al centro di Frassinetti che manda tre volte Di Mario al tiro di rigore: esecuzioni perfette e parità a 1’26 del secondo parziale. L’Italia continua a spingere con ordine e convinzione e raggiunge l’8-3 a inizio terzo tempo con le reti di Cotti (due in superiorità numerica), Garibotti dall’esterno ed Emmolo dal perimetro. La difesa lascia l’8-4 a Glushkova (autrice di una pregevole palomba) solo dopo 13 minuti dall’ultimo gol subito; ma un’altra piccola pausa consente alle kazake di rientrare sull’8-6. Si torna a soffrire. L’Italia difende tre inferiorità numeriche nella prima metà dell’ultimo tempo. Poi fallisce una doppia. Ma riesce a segnare il gol della tranquillità con Bianconi in superiorità numerica: 9-6 a -3’03. Chiude il gol di Akilbayeva.
Nell’altra partita del girone l’Ungheria ha battuto il Brasile 20-6. Si torna in vasca marted√¨ alle 18.50. La sfida con le magiare potrebbe decidere il primato del raggruppamento.

Italia-Kazakistan 9-7
Italia: Gigli, Pomeri, Garibotti 1, Radicchi, Queirolo, Aiello, Di Mario 3 (3 rig.), Bianconi 1, Emmolo 1, Palmieri 1, Cotti 2, Frassinetti, Sparano. All. Conti.
Kazakistan: Zharkova, Shepelina, Akilbayeva 2, Turova, Mirshina, Zubkova, Alexandrova 1, Glushkova 1, Jakayeva 1, Grintsenko 2, Rozhentsevar, Mussarova, Krassikova. All. Sazykin.
Arbitri: Taylan (Tur) e Ni (Cin).

Note: parziali 1-3, 5-0, 2-3, 1-1. Uscite per limite di falli Zubkova (K) a 6’05 del terzo tempo, Radicchi (I) a 3’42, Alexandrova (K) a 5’40, Bianconi a 7’15 e Di Mario a 7’29 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Italia 3/8 + 3 rigori, Kazakistan 5/10. Spettatori 500 circa.

fonte: www.federnuoto.it

 

Condividi