Milan. Ultima chance ad Allegri, gelo tra Galliani e Berlusconi

Lunedi’ di passione in casa Milan, il giorno dopo il pareggio insapore contro il Chievo, che ha posto il tecnico Allegri in una posizione molto critica. La giornata poteva essere quella del tanto discusso esonero, invece pare sia quella dell’ennesima mancata rivoluzione. Una decisione che fa meno notizia dell’assenza, al summit di Arcore, di Adriano Galliani. Silvio Berlusconi ha pranzato e discusso della situazione assieme ai figli, ma non con l’amministratore delegato. Un segno eloquente di come il rapporto, nonostante le belle parole di sabato, stia andando pian piano verso la parola fine. In tutto cio’ Allegri, uomo di Galliani, ne esce indebolito ma cosciente che anche la sua avventura finira’ a maggio, comunque vada. Silvio Berlusconi e’ abituato a stupire, quindi non diamo nulla per certo: la serata e la giornata di domani serviranno ulteriormente alla proprieta’ per pensare al meglio per la squadra e per la stagione. In attesa c’e’ Filippo Inzaghi, leggermente dietro Devis Mangia: due nomi che non convincono al 100% nemmeno come traghettatori e che hanno spinto la societa’ a ritentare ancora con Massimiliano Allegri.
Lui attende dalla casa milanese, sperando che possa essere lui il tecnico che guidera’ l’allenamento di mercoledi’, giornata in cui il Milan riprendera’ il lavoro. La sosta per le nazionali potrebbe influenzare questa scelta importante e difficile: servirebbe al tecnico livornese per riprendere in mano la situazione con qualche allenamento in piu’, ma allo stesso tempo potrebbe essere utile per voltare pagina e avere tempo per assestarsi. Genoa e Celtic saranno altri due ennesimi bivi della stagione. Con o senza Allegri. (AGI) .

Condividi