Mariano Keller. Beffati nell’extra-time, da Taranto a mani vuote

Taranto – Mariano Keller 2-1

TARANTO: Marani, Viscuso, Miale, Prosperi (32’st Mignogna), Marchitelli, Ciarcià (42’st Ancora), Muwana, Carloto, Migoni (39’st Vivacqua), Clemente, Balistreri. A disp.: Masserano, Riccio, Pulci, Menicozzo, Caruso, Fonzino All: Maiuri

M. KELLER: Napoli, Micallo, Bosco, Cicatiello, Noviello, Borrelli, Sorrentino (6’st Maisto), Visone, Santaniello, Marzocchi (17’st Tommasini), Della Corte (25’st Marseglia). A disp: Parisi, Gala, Colella, Esposito, Mazzeo, Amico. All: Muro.

ARBITRO: Montanari di Ancona – ASSISTENTI: Cappiello e Santarsia di Matera

MARCATORI: 18′ Santaniello (K), 12’st Balistrieri (T), 47’st Clemente (T)

NOTE: Ammoniti Clemente (T), Cicatiello e Borrelli (K). Espulso al 27’st Marseglia (K) per gioco pericoloso. Recuperi 2′ e 5′. Angoli 11-1 per il Taranto. Spettatori 2500 circa.

Aveva sperato fino all’ultimo di tornare a casa con almeno un punto, ma la M. Keller è stata beffata proprio sui titoli di coda, dopo aver resistito in dieci per più di 20′ all’assedio dei tarantini.

Eppure la gara non era cominciata male per gli uomini di mister Muro, che nel primo quarto d’ora di gioco tengono testa ai blasonati avversari, lasciando al Taranto più possesso palla ma senza subire granch√©. Dopo un paio di tiri piazzati dei rossoblu, che non impensieriscono Napoli, al 18′ sono proprio i napoletani a passare in vantaggio: Bosco recupera palla davanti alla sua area, parte in velocità, avanza palla al piede e serve con un traversone Santaniello che, sul filo del fuorigioco, fredda Marani con un rasoterra vincente. Il Taranto prova a riacciuffare il pareggio, ma la Keller tiene bene il campo. Al 29′ sul corner di Clemente, Miale sotto porta alza troppo la mira; mentre al 31′ lo stesso Clemente da posizione ravvicinata si vede il tiro deviato di piedi da Napoli. L’occasione più ghiotta, però, i locali la costruiscono al 39′: Migoni dalla sinistra pesca al centro Ciarcià, che di testa schiaccia a colpo sicuro, Napoli con la mano sinistra vola a salvare la sua porta.

La ripresa si apre col Taranto subito all’attacco, grazie a Clemente che s’infila fra le maglie avversarie e con un’inzuccata prova a sorprendere Napoli: il portierone napoletano vola ancora una volta e sventa la minaccia con un intervento strepitoso. Al 10′ la Keller si rivede in attacco con Maisto che semina un po’ di panico nella retroguardia di casa, ma la sua conclusione finisce sull’esterno della rete. Arriva cos√¨ il pareggio del Taranto ad opera di Balistrieri, bravo a girare di testa un traversone di Ciarcià. Il gol dell’1-1 galvanizza l’ambiente rossoblu che spinge con insistenza per il sorpasso, ma ciò che fa pendere l’ago della bilancia a favore della squadra di Maiuri è l’espulsione di Marseglia al 27′, dopo appena 2′ dalla sua entrata in campo. Con un uomo in meno la Keller stringe i denti, resiste all’assedio dei tarantini e al 44′, quando l’arbitro annulla un gol a Miale, inizia a pensare di poter uscire indenne dallo ‚ÄòIacovone’. Purtroppo per la formazione napoletana, nel secondo dei 5′ di recupero, Clemente s’inventa una magia su punizione freddando Napoli sul filo di lana.

POST PARTITA

L’ennesima sfida da ex ha un sapore decisamente amaro per mister Muro, che vede svanire oltre il 90′ la possibilità di portar via un punto dallo ‚ÄòIacovone’: Abbiamo commesso lo stesso errore fatto dopo esser passati in vantaggio col Monospolis, abbiamo arretrato il baricentro, non permettendo ai nostri difensori di salire. Stavamo gestendo bene la gara, ma abbiamo lasciato solo Balistrieri in area, concedendogli di pareggiare; poi ci siamo chiusi e abbiamo sofferto. C’eravamo preparati sulle conclusioni di Clemente, però se la mette cos√¨ la palla, non si può far niente. Il Taranto, che è già una signora squadra, alla fine ha creduto più di noi alla vittoria, spinto anche dalla passione del suo pubblico.