Juventus. Allegri rinnova fino al 2018

Adesso c’è anche l’ufficialità: Massimiliano Allegri sarà l’allenatore della Juventus per altre due stagioni. Il club ha annunciato il rinnovo fino al 2018. “Il primo obiettivo è rivincere lo scudetto, sarebbe il sesto di fila, un traguardo straordinario, nella storia del calcio italiano nessuna società è riuscita a coronare questo sogno. Poi, partecipando alla Champions, bisogna cercare di ottenere il massimo, anche se sappiamo che è sempre difficile competere coi grande club bisogna trovare le motivazioni per fare un ottimo torneo”. Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, dalle pagine del sito del club fissa già i nuovi traguardi da inseguire con Massimiliano Allegri, fresco di rinnovo fino al 2018. Un rinnovo che il dirigente bianconero ha sempre definito una formalità. “Abbiamo iniziato questo rapporto con Allegri che ci ha portato a conquistare due scudetti consecutivi e altri trofei importanti ed era fisiologico considerare questo rapporto continuativo, non c’erano elementi per divorziare ma anzi per rafforzare questo matrimonio”, spiega ancora Marotta, che rivendica con orgoglio la scelta di aver puntato sul tecnico toscano dopo l’addio di Conte: “la Juve come società è stata brava a individuare non solo dei buoni giocatori ma anche di trovare continuità nell’affidare la squadra a un ottimo allenatore nonostante lo scetticismo che ha contraddistinto il suo arrivo. E’ merito della società aver individuato un grande allenatore e averlo supportato quotidianamente nell’espletamento della sua professione”. E Allegri ci ha poi messo tanto del suo: “Ha valorizzato in pieno le risorse che la società gli ha messo a disposizione e ha trasmesso ai giocatori consapevolezza dei propri mezzi, soprattutto in Europa dove in questi due anni abbiamo ottenuto risultati straordinari”.

Il rinnovo di contratto con la Juventus fino al 2018 “non è un punto d’arrivo ma di partenza, quello che è stato fatto rimarrà nella storia della Juventus ma già dalla finale di Coppa Italia e dall’inizio della prossima stagione bisogna cominciare a lavorare per ottenere altri successi”. Massimiliano Allegri guarda già avanti. Messa la firma, il tecnico toscano, che sarà alla guida dei bianconeri per almeno altre due stagioni, è pronto a condurre la squadra verso nuovi successi. “E’ stimolante tutto, è una grande sfida e una grande responsabilità allenare la Juve, qui si gioca sempre per vincere – sottolinea sul sito del club – E’ stato importante arrivare in piena estate due anni fa e sarà ancora più stimolante, la prossima estate, quando riprenderemo a lavorare per i prossimi obiettivi”. Ai giocatori riconosce il merito di “aver acquisito una mentalità, il dna della Juventus, che è quello di cercare di lavorare per ottenere il massimo dei risultati. La squadra deve migliorare ora nella costruzione del gioco, nei singoli giocatori e deve avere un’ambizione alta, anche al di là delle aspettative. Su questo dobbiamo lavorare, bisogna avere grande autostima anche perchè è una squadra con grandi qualità tecniche”. Quali siano gli obiettivi è facile capirlo. “La Juve nei prossimi anni dovrà essere sempre competitiva e vincente in Italia e ha l’obbligo e il dovere di fare una grande Champions, deve giocare le partite al pari delle grandi d’Europa. Poi, come è successo quest’anno, a volte un pallone va dentro e altre va fuori e resti a casa dopo gli ottavi ma l’obiettivo è passare il turno e poi giocarsi la Champions negli scontri diretti”. E con una grande società alle spalle tutto è possibile: “passano i giocatori e gli allenatori ma rimangono sempre la storia e la società”.

Fonte ItalPress.com