Juve Stabia, balla con i…Lupi silani : a Cosenza per dare continuità al roboante successo tennistico.

La Juve Stabia reduce dal 6-0 rifilato al malcapitato Martina Franca, dopo tre mesi lunghissimi ha interrotto l’astinenza di successi casalinghi, e a partire già dalla gara di domani, l’obiettivo è risalire la classifica. Le vespe avranno ora un difficilissimo impegno in terra calabrese contro il Cosenza di mister Roselli. I lupi sono una delle rivelazioni del torneo, e in piena corsa per la promozione in serie B. Ultima impresa targata silana decisamente “titanica” per giunta sul gong, il successo del Cosenza sul campo della Casertana, squadra che non perdeva tra le proprie mura da mesi. I silani stanno disputando una stagione impensabile e al momento hanno appena quattro lunghezze di ritardo dalla capolista Benevento: sognare i playoff si può, la Roselli band sta suonando sinfonie in successione.

Nunzio Zavettieri, tecnico della Juve Stabia, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match in trasferta contro il Cosenza. Sono cambiate davvero tante cose rispetto alla partita d’andata ‚Äì ha dichiarato l’allenatore gialloblù ai microfoni di Vivicentro ‚Äì soprattutto per quanto riguarda il Cosenza che sta facendo davvero cose incredibili. Noi siamo pronti come sempre per affrontare il match nel migliore dei modi. Purtroppo devo ancora valutare le condizioni di Izzillo e Favasuli, saranno importanti i prossimi allenamenti. Fortunatamente, ora, ho due calciatori a disposizione per ogni ruolo e quindi la mia scelta si baserà sulle condizioni psicofisiche della rosa. Siamo una squadra con dei valori e se ci impegniamo possiamo arrivare lontano. La partita di sabato? Spero che possa servire per dare più autostima e carica ai ragazzi.

Fondamentale è stato il ritorno alla vittoria al Menti che ha di fatto allontanato un po’ la Juve Stabia dalla zona calda della classifica. Lo ha fatto anche esagerando a dire il vero, ma probabilmente anche per ricambiare i tifosi per la lunga attesa. Grazie a questo successo, in settimana sul campo di Casola si è respirato un’aria diversa tra la gente e negli spogliatoi. Grande è la fiducia per raggiungere al più presto la quota salvezza. 13 punti in undici giornate. Si può fare, anzi per le potenzialità esistenti è il caso di dire che le vespe si candidano ad un ruolo da protagonista per il rush finale del torneo che definire indecifrabile è sacrosanto. Il pareggio nel derby del Pinto prima e la batosta al Martina confermano che la squadra è in salute e grazie al ritorno in forma di tante prime firme, nelle restanti gare può recitare il ruolo da guastafeste. In quest’ottica calza a pennello la trasferta di domani pomeriggio allo stadio San Vito, ora ribattezzato Marulla, contro il Cosenza, terza forza del girone. Sarà una partita molto combattuta e le vespe andranno l√¨ per fare risultato. In settimana, sin dalla ripresa degli allenamenti c’era un clima di distenzione e serenità come raramente avvenuto nelle scorse settimane. √à davvero un buon segnale. Bisogna assolutamente continuare su questa strada. Sulla strada pronto a sfidare i termali, ci sarà ancora Francesco Di Nunzio di fronte pronto a sfidare il suo passato: quest’anno si ritrova contro le Vespe per la terza volta, visto che ha iniziato il campionato a Melfi e a gennaio è stato ceduto in Calabria. Domani tornerà a sfidare il suo passato, e nella squadra di Roselli c’è anche un’altro ex: Simone Ciancio, calciatore che ha fatto parte con lo stesso Di Nunzio della squadra stabiese retrocessa in Lega Pro. C’è dato che fa ben sperare i tifosi della Juve Stabia in vista della gara di domani. Fino a questo momento le vespe sono imbattute contro le calabresi con i gialloblù di Zavettieri che hanno bloccato anche il Catanzaro nel doppio confronto. All’andata il match, che fu il primo in casa per Zavettieri, fin√¨ sul punteggio di 1-1, ma dopo un girone questo risultato non è tanto ammesso dato che la squadra stabiese è chiamata ad invertire il trend che la vede affetta da “pareggite”.Tra l’altro Zavettieri potrà contare su tutti gli elementi della rosa, anche se sono d’obbligo gli scongiuri. Pronto a riproporre il 4-4-2 con l’unico dubbio tra i pali. Russo a rischio forfait; l’estremo difensore, si è allenato a parte, dopo che è stato costretto ad abbandonare il campo già nella gara contro il Martina Franca per un problema di ordine fisico. Polito in pole position dunque, e dopo il momentaneo accantonamento è pronto a scendere in campo dal primo minuto. Nessuna defezione di difesa con il quartetto composto dai centrali Romeo-polak e gli esterni Contessa e Carillo. Abbondanza a centrocampo con Maiorano e Izzillo che si giocano un posto con il rientro di Kenneth Obodo, dopo aver scontato il turno di squalifica. In mezzo al campo c’è davvero traffico, finalmente un problema di abbondanza per il tecnico dopo diversi mesi di vacche magre. Con la presenza di Cancellotti al riento, è un di certo un indizzo positivo, capace di offrire allo stesso tempo una grande copertura al reparto difensivo e una spinta costante in zona offensiva con le sue discese. Zavettierieri, intenzionato a giocare con un modulo spegiudicato, confermerà gli esterni Lisi e Nicastro ad agire sulle fasce di competenza e con la coppia offensiva formata da Diop- Del Sante. Cambia invece l’arbitro; Il fischietto precedentemente designato, Luigi Rossi, non potrà essere presente allo stadio per motivi influenzali e sarà sostituito da Daniele Viotti della sezione AIA di Tivoli. Al termine dell’allenamento di rifinitura, svolto questa mattina presso lo Stadio Comunale di Casola, il tecnico Nunzio Zavettieri ha reso nota la lista dei nr. 22 calciatori convocati per il match.

Portieri: Mascolo, Polito, Russo.

Difensori: Atanasov, Cancellotti, Carillo, Contessa, Liotti, Navratil, Polak, Romeo.

Centrocampisti: Carrotta, Favasuli, Izzillo, Maiorano, Obodo.

Attaccanti: Del Sante, Diop, Gatto, Gomez, Lisi, Nicastro

Infortunati: Celin, Grifoni, Ripa.

Armando Mandara