Italia. Conte: ”Disattenti col Belgio, contro la Romania voglio una bella gara”

“A Bruxelles abbiamo pagato a caro prezzo delle disattenzioni, ma la strada e’ quella giusta sotto ogni punto di vista. Con la Romania vogliamo fare una bella partita e a dare continuita’ a quanto fatto vedere il Belgio”. Lo ha detto il ct della Nazionale, Antonio Conte, a poche ore dall’amichevole di stasera al ‘Dall’Ara’ di Bologna contro la Romania.
“Tornare in qualche squadra in cui sono stato? Arezzo, Atalanta…”. Antonio Conte trova il sorriso pensando a quelle indiscrezioni di mercato ipotizzano un suo ritorno sulla panchina della Juventus nel caso decidesse di lasciare l’azzurro dopo gli Europei. Piu’ seriamente, il ct della Nazionale e’ certo di essersi “calato molto bene nella parte di ct, sotto ogni punto di vista, e sono molto contento del lavoro che sto facendo. Non pensavo di sviluppare un lavoro cosi’ con i giocatori, e questo mi gratifica. Detto questo, ci sara’ tempo per parlare in futuro con la federazione, ma so anche che tanto dipendera’ dal risultato, da come le cose andranno. Ho presente cio’ che e’ successo un anno e mezzo fa, quando Prandelli firmo’ il rinnovo del contratto e dopo due mesi fu costretto a dare le dimissioni perche’ non ando’ bene (ai Mondiali in Brasile, ndr). Fossimo figli del lavoro ragionerei in maniera diversa, ma siamo figli del risultato”.

“Il 3-5-2? Abbiamo iniziato una strada e la stiamo percorrendo per cercare di esaltare le nostre caratteristiche, anche perche’ vogliamo giocare un calcio propositivo e non di attesa – ha aggiunto il mister salentino in conferenza stampa, giurando cosi’ fedelta’ al 4-4-2 -. Vogliamo fare la partita e giocarcela, e questa penso sia la strada migliore per ottenere risultati e dare emozioni a chi ci guarda – spiega in conferenza stampa il tecnico azzurro – Se poi durante la partita riusciamo ad interpretare altri moduli ben venga, ma cambiare e’ difficile anche per un club, figurarsi in Nazionale”.

Giorgio Chiellini, invece, si dice pronto a ricoprire il ruolo di terzino: “sono disponibile a fare quello che mi chiede il mister. Figuriamoci se mi spaventa fare il terzino. Vedremo domani in campo”. Il difensore juventino, stasera nel match del Dall’Ara entrera’ nella top ten di presenze azzurre con l’82a maglia azzurra, raggiungendo Franco Baresi e superando Bergomi e Tardelli. “Sono traguardi importanti. Ma uno quando gioca non ci pensa tanto. L’importanza di queste cose la vedro’ tra qualche anno. Per ora penso a giocare. Sono piccole soddisfazioni in itinere che mi sto prendendo” dice Chiellini. (AGI) .

Condividi