Inter. Mancini e la corsa Champions: “Roma importante ma non decisiva”

“Il match contro la Roma e la corsa alla Champions? I giocatori sanno che è una partita importante, non so se sarà decisiva perch√© ci sono ancora molti punti in palio e il campionato è aperto a tutte le soluzioni. Sicuramente è una partita importante visto che siamo dietro, sarebbe importante vincere”. E’ pronto al big match dell’Olimpico contro i giallorossi il tecnico dell’Inter Roberto Mancini che classifica alla mano non vuole perdere ulteriore terreno dai capitolini avanti 5 punti.

“La Roma era partita per vincere il campionato assieme a Juve e Napoli. E’ rimasta un po’ indietro ma poi ha recuperato facendo tante vittorie di seguito, è una squadra che ha dei valori, i giocatori stanno assieme da molto tempo e per due anni sono arrivati secondi, ma in una partita può accadere di tutto –prosegue il tecnico jesino che non fa calcoli-. In una partita si scende in campo per fare il massimo, cercheremo di vincere come faranno loro. In caso di sconfitta sarebbe più difficile ma 27 punti da assegnare sono tanti”.

Sul valore aggiunto portato alla Roma da Spalletti l’allenatore nerazzurro aggiunge: “Era una squadra forte anche all’inizio poi a gennaio sono arrivati El Shaarawy e Perotti che hanno dato qualcosa in più e, alla fine, i valori vengono fuori. Il vantaggio di Spalletti è che conoscere l’ambiente e non ha subito problemi di ambientamento ma anche Garcia aveva fatto benissimo, non è che fosse meno bravo”.

Guardando alla formazione anti-Roma sono diverse le incognite a 24 ore dalla sfida, primo punto interrogativo la presenza di Mauro Icardi in attacco: “Valuteremo e poi prenderemo le decisioni”. Per quanto riguarda Kondogbia “si è allenato e sta abbastanza bene, vedremo se impiegarlo perch√© ha saltato i primi due allenamenti” e su Brozovic aggiunge: “Mi ha detto che ha un po’ male la testa, gli ho detto che almeno c’è l’ha ma sta abbastanza bene”.

Tornando sulla posizione di classifica dei nerazzurri, primi per buona parte del campionato ed ora quarti a pari punti con la Fiorentina, Mancini aggiunge: “L’unico rammarico visto il girone di andata è aver perso tante partite all’inizio del girone di ritorno, sono stati punti alle volte persi immeritatamente. Se dovessimo vincere domani la posizione sarebbe quella sperata, sapevamo che c’erano squadre più attrezzate di noi”.