Il Benevento cade anche con la Spal, Caserta va ai playoff da separato in casa

Ancora una sconfitta in casa Benevento,ancora davanti ai propri tifosi,ancora contro una squadra di medio-bassa classifica. Si chiude tra i fischi assordanti e gli striscioni furenti dei tifosi Sanniti la regular season di una Strega che ha sognato, di una Strega che illuso ma che si è persa nei meandri dei propri errori. La Spal era gara da non sbagliare per approcciare al meglio ai playoff, invece ci ha pensato Finotto a regalare una cena di fine anno assolutamente indigesta. I problemi con Lapadula che si infittiscono da inizio campionato, i limiti mentali di una squadra che subisce e accusa il colpo,cade e resta inerne a terra.

Lo stesso Lapadula che ha rivisto il campo e ha subito ritrovato il gol,una continuità quasi negata da mister Caserta, la gestione sbagliata di una situazione assai più facile. Lo stesso Caserta che palesato tutti i suoi limiti nelle ultime 5 gare con prestazioni vicine allo 0 e che oggi ormai, salvo clamorosi ribaltoni nella griglia playoff, vive il post season da separato in casa e quasi certo dell’esonero. Voci parlano di una società, nella persona di Oreste Vigorito, furente e che avrebbe pensato a Serse Cosmi per la sostituzione.

Ipotesi messa da parte,restano i playoff da affrontare in casa dell’Ascoli,senza l’agio dei due risultati e obbligati a vincere per andare avanti,in semifinale l’ipotetico scontro con il Monza che fa paura visto l’ultimo passaggio a vuoto di qualche settimana fa. Caserta raccoglie i cocci di una stagione gestita male,appena sopra la sufficienza per le doti tecniche dei suoi,la montagna playoff è assai dura da scalare ma l’ultima parola spetta come sempre alla palla. Intanto la Strega sembra essere davvero caduta dalla scopa.

Marcatori: 46′, 51′ Finotto (S), 47′ Lapadula (B)

BENEVENTO
Paleari; Acampora (58′ Ionita), Elia (58′ Letizia), Tello, Lapadula, Petriccione (58′ Farias), Foulon (78′ Masciangelo), Insigne (78′ Brignola), Viviani, Pastina, Barba.
A disp.: Muraca, Manfredini, Calò, Vogliacco, Improta, Sau, Talia.
All. Fabio Caserta

SPAL
Thiam; Esposito, Mancosu, Capradossi, Finotto (69′ Colombo), Mora (79′ Da Riva), Vicari, Dickmann, Pinato (89′ Crociata), Celia (69′ Tripaldelli), Latte Lath (79′ Vido).
A disp.: Alfonso, Pabai, Melchiorri, Zuculini, Almici, Nador, D’Orazio.
All. Roberto Venturato

Ammoniti: Celia (S), Mora (S), Capradossi (S), Viviani (B).

Arbitro: Antonio Giua di Olbia.
Assistenti: Luigi Lanotte di Barletta e Marco Ceccon di Lovere.
Quarto Ufficiale: Adolfo Baratta di Rossano.
Var e Avar: Daniele Minelli di Varese e Pietro Dei Giudici di Latina.