Genoa-Livorno 0-0. Gara equilibrata, super Bardi nel finale

Genoa e Livorno evitano di farsi male e dall’anticipo serale della quarta giornata di Serie A esce fuori uno scialbo pareggio a reti inviolate. A Marassi vince la paura, con il Livorno che non approfitta di un Genoa remissivo nella prima ora, mentre il Grifone, forse con la testa ancora alla sbornia nel derby di domenica scorsa, si sveglia troppo tardi. Le due squadre si schierano a specchio e la gara resta bloccata. Il pallino del gioco e’ del Genoa ma la soluzione del doppio regista Lodi-Matuzalem non premia, la squadra di Liverani fatica a servire gli isolatissimi Gilardino e Calaio’ ed e’ il paziente Livorno ad avvicinarsi di piu’ al gol nel primo tempo. Al 26′ Nicola perde Biagianti per infortunio, ma l’innesto di Duncan al suo posto non altera gli equilibri.
Anzi, sono i toscani a farsi pericolosi al 28′: tiro di Luci dalla distanza e respinta di Perin, sulla ribattuta piomba Emeghara che a porta spalancata spedisce al lato da pochi passi. Poco dopo e’ ancora il nigeriano a impegnare Perin.
Nella ripresa, ancora Livorno, con Duncan che prova l’euro-gol da 50 metri. Al 10′ Liverani richiama Lodi per Cofie (passando a un 3-4-1-2) e affida le chiavi del centrocampo al solo Matuzalem. In due minuti il Genoa costruisce due azioni, prima con Calaio’, che in area reclama rigore per un tocco di Rinaudo, poi con Biondini da fuori area. Nel finale, Nicola inserisce Siligardi per Emeghara, Liverani punta su Stoian arretrando Cofie in mediana. Ma e’ sempre Livorno, con gol annullato correttamente a Mbaye su ribattuta di Perin su bolide di Schiattarella. Alla mezz’ora salvataggio miracoloso di Gamberini su Siligardi, dall’altra parte poco dopo (31′) Manfredini di testa scheggia la traversa. La gara si infiamma, il Genoa rialza la testa e al 32′ e’ Coda a strozzare l’esultanza di Calaio’ salvando sulla linea. Nel finale Liverani passa al 4-2-4 ed e’ solo Grifone. Clamoroso il colpo di testa in pieno tempo di recupero di Calaio’, che Bardi smanaccia d’istinto in angolo. Parata che vale come un gol per il Livorno, che porta a casa un punto preziosissimo in chiave salvezza, raggiungendo momentaneamente Juve, Fiorentina e Inter a 7 punti (agi.com)