Gelbison-Troina 5-1. Valanga rossoblu, esordio con gol per Faella

Gelbison-Troina finisce 5-1. Vittoria spettacolare per la Gelbison che asfalta i siciliani. Tre gol nel primo tempo e due nel secondo, con una marcatura illusoria di Ficarrotta al 24′ del primo tempo.

IL MATCH – E’ subito sprint Gelbison che al 4′ prova a sbloccare il risultato con Chinnici. Il tiro finisce di poco sul secondo palo. La Gelbison gioca con il sangue agli occhi, con l’obbligo psicologico di vincere dopo i due stop con Acireale e Sancataldese. Il Troina dal canto suo non riesce a dare segnali e questo per gran parte del primo tempo. Al Morra è un dominio rossoblù e infatti la formazione di casa trova in un quarto d’ora due gol.

Al 11′ ci ha pensato Gagliardi con un tiro che si spegne sul secondo palo. Cinque minuto dopo tocca a Gonzalez, che incorna alla perfezione una palla battuta dalla bandierina. Se la Gelbison ha piena padronanza del pallino del gioco, di fronte la formazione siciliana riorganizza le idee dopo i due colpi subiti. Con l’andare dei minuti, però, la squadra di Esposito sembra aver calato la concentrazione e lascia Ficarrotta troppo solo al limite dell’area. L’esperto attaccante non ci pensa troppo e tira verso la porta di D’Agostina. Incolpevole l’estremo di casa, subisce il rimbalzo in rete, dopo lo schiaffo sul palo.

E’ la prima vera occasione per il numero dieci del Troina, che qualche minuti più tardi ci riprova, ma senza successo questa volta. Tentennano le certezze della Gelbison. Ci vogliono, però, pochi minuti per ridestarsi. Gli undici in maglia bianca giocano quasi a memoria sbagliando poco e interdicendo tanto. Chinnici e Oggiano gli uomini più attivi sulle fasce, mentre i difensori restano attenti, ma senza subire incursioni nella propria trequarti.

Solo pochi minuti con il baricentro basso per gli uomini di casa e al 28′ proprio il terzino sinistro rimette in chiaro le cose servendo un cross morbido i compagni sull’altro fronte. Oggiano e Fois, però, si ostacolano e non riescono ad andare al tap-in.

La Gelbison gioca a tutto campo. Le fasce e le vie centrali sono coinvolte in tutta la manovra, creando instabilità negli avversari che non riescono a coprire tutte le zone del campo. Proprio su un cambio gioco di questo tipo, Chinnici, ancora protagonista, avvia un’azione offensiva lanciando Fois. Traversone orizzontale e il compagno si accentra servendo poi Gagliardi. Cross al centro per Ortolini il cui colpo di testa si alza oltre la traversa.

Prima della fine del primo tempo, i padroni di casa mettono in sicurezza il risultato. Ci pensa Gagliardi con la doppietta di giornata. Direttamente su calcio di punizione, al 41′ arriva la bordata dell’attaccante. Ancora incolpevole Faccioli. Il pallone finisce, infatti, nel sette.

La ripresa non regala le stesse emozione, causa un allungo del risultato che distrugge le speranze degli avversari, fanalino di coda. All’avvio è Oggiano a dettare i tempi con un tentativo dalla distanza. Un tiro cross che non trova il bersaglio grosso, ma fa guadagnare un corner. Sono solo i primi 20′ del secondo tempo a dare qualche scossa, con le occasioni dei padroni di casa e il gol di Sparaciello dalla lunga distanza. Un eurogol per il neoentrato che lascia sul posto l’estremo dei siciliani.

Il gioco prosegue con qualche fiammata del Troina, spenta sul nascere. La Gelbison dal canto suo tiene bene il gioco e soprattutto non mette in pericolo il risultato. A rendere più facile il finale di match sono soprattutto i cambi. Rasetti, infatti, ha una rosa molto giovane a disposizione, che non riesce a impensierire gli esperti e freschi calciatori cilentani appena entrati.

L’attenzione, quindi, si poggia per lo più sulla prestazione dei nuovi innesti. Se, infatti, Ortolini è partito con la maglia da titolare, non è lo stesso per Faella e Fornito che stupiscono sin dalla prima palla toccata. In particolare proprio l’esterno d’attacco prende subito in mano il reparto offensivo riuscendo creare occasioni e difficoltà agli avversari. Al 70′, infatti, è proprio lui a chiudere il computo delle marcature.

Errore difensivo da parte di Falla. Pallone lisciata dal difensore rossoblù, l’ex Afro Napoli è in agguato e avvinghia la palla involandosi verso la porta. Fendente e gol per il pokerissimo dei padroni di casa.

Il prosieguo registra qualche tiro velleitario nella porta porta di D’Agostino che si destreggia senza patemi. Al triplice fischio vittoria Gelbison e testa al primo recupero, quello del 5 gennaio contro il Rende.

TABELLINO

Gelbison-Troina 5-1 (3-1 pt)

Gelbison (3-5-2): D’Agostino; Marchetti, Barbetta, Gonzalez; Oggiano (57′ Faella), Conti (73′ Fornito), Fois (63′ Onda), Ambro, Chinnici; Ortolini (57′ Sparaciello), Gargliardi (67′ Pipolo). A disposizione: Gesualdi, Onda, Pipolo, Cardore, Fornito, D’Angelo, Ferrara, Faella, Sparaciello. Allenatore: Gianluca Esposito

Troina (4-3-3): Faccioli; Padovano, Berti, Falla, Lo Cascio; Fratantonio (73′ Manara), Corcione, Pace; Ficarrotta (73′ Boufous), Manfrè (76′ Cristaldi), Longo (68′ Cordella). A disposizione: D’Andrea, Romano, Cristaldi, L’Episcopo, Manara, Cardella, Boufous. Allenatore: Giuseppe Rasetto

arbitro: Giovanni Agostini di Milano
assistenti: Luca Barnasso di Milano; Daniele Antonicelli di Milano

marcatori: 11′ e 41′ Gagliardi (G), 16′ Gonzalez (G) e 24′ Ficarrotta (T), 69′ Sparaciello (G), 70′ Faella (G)
tiri: 17-9
angoli: 4-3
fuorigioco: 6-0

ammoniti: Corcione (T), Ficarrotta (T), Barbetta (G), Berti (T)
espulsi: //

recuperi: 0′ pt, 3′ st