Gelbison-Sancataldese 4-0. Poker ai siciliani, Serie C all’orizzonte

I rossoblù calano il poker al Morra. Gelbison-Sancataldese è uno spettacolo divertente e vivace, che si chiude con una vittoria importante in ottica distacco dalle contendenti alla promozione in Serie C.

Gelbison-Sancataldese, primo tempo tamburellante

Una partita che parte subito con un ritmo alto, divertente e vivace. Le due squadre si affrontano a viso aperto. I cilentani alla ricerca della vittoria per riscattare il pareggio di Trapani, ma anche per tenere lontana la Cavese. I siciliani, invece, per tenersi lontani dalla zona play-out. A uscire meglio, nella prima parte di match, è proprio la formazione di casa, seppur i primi tentativi tardano ad arrivare.

Prima occasione superato il quarto d’ora di gioco, con Ortolini. Il disordine fa da padrone in mezzo al campo, caratterizza entrambe le squadre, ma con il passare del tempo, il gioco si fa più vivo ed ordinato. La marcatura arriva al 23′ grazie a Sparaciello, a conclusione di un’azione in tandem con Gagliardi. Il numero dieci già qualche minuto prima era andato vicino al vantaggio. Nell’azione successiva, però è il classe ’99 a timbrare a seguito prima di un dialogo e poi di un dribbling alla difesa.

Quattro minuti più tardi arriva il tentativo della Sancataldese. Una reazione che non si fa attendere. La squadra rossoverde alza il baricentro, mentre la Gelbison gioca come un elastico passando dalla difesa a tre a quella a quattro a seconda delle esigenze. Non è passiva la formazione di Esposito, che con Gagliardi si rifà vedere in avanti, sfiorando ancora il gol. Il raddoppio, però, arriva da un’azione in solitaria di Graziani.

L’esterno al 32′ ruba palla a centrocampo, slalom ripetuto sugli avversari e tiro all’angolino, dove La Cagnina non riesce ad arrivare. Il 2-0 mette KO, almeno temporaneamente, la Sancataldese, mentre la Gelbison si galvanizza, provando a chiuderla velocemente e passare alla modalità risparmio energetico. Sono serrate le righe dei cilentani, che a questo punto non lasciano spazio di manovra ai siciliani. Squadra, quella di Campanella, comunque che non sembra rinunciare a giocarsela fino in fondo.

Al 39′ bellissima azione per gli ospiti, con D’Agostino impegnato. Pallone respinto, ma non parato, l’azione continua, ma senza patemi per i padroni di gara. Occasione che rinvigorisce la Sancataldese, che si alza e nel finale prova a dettare i tempi. Sfiora il gol, infatti, ma Graziani legge bene e toglie le castagne dal fuoco.

Gelbison è poker, Sancataldese alla ricerca del gol della bandiera

Il secondo tempo comincia con una Sancataldese pronta a sudare per riaprire il risultato. Ma dopo neanche dieci minuti la Gelbison trova il gol che chiude virtualmente la partita. E’ Fornito, al 53′, a mettere a segno un pallone figlio di una staffilata dalla lunga distanza. Sviluppi di corner e pallone per il centrocampista, pronto a battere in rete.

Anche in questo caso, la gara non si addormenta, ma la Gelbison cala il ritmo tentando di tenersi le energie senza sbavare nel momento topico. Ne approfitta la squadra ospite, che crea occasioni in diverse occasioni e con maggiore frequenza rispetto al primo tempo. Lascia giocare la Gelbison, a sua volta mimando ancora un elastico ben rodato. I movimenti sono sistematici e pensati. Pochi gli errori in fase di disimpegno, un po’ di più in fase di possesso palla.

La formazione di Campanella prova ad attaccare per vie centrali o sulla fascia destra, dove però, Chinnici fa buona guardia assieme a Marchetti che indurisce le interdizioni. Sale di contropiede, per lo più, la Gelbison nella seconda parte della ripresa, causa anche la stanchezza negli interpreti. I cambi, con l’ingresso di Oggiano, Faella e Khoris portano nuova linfa. Proprio l’esterno ex Napoli United sfiora il poker in due occasioni. Nella seconda, però, è pronto il tap-in di Khrosi a mandare in rete.

Nel finale la Sancataldese si alza alla ricerca del gol, per la pura voglia di segnare. D’Agostino chiude bene su Manno, in un tiro che fa quasi tremare i tifosi rossoblù. Dopo tre minuti di recupero la Gelbison gioisce festeggiando la vittoria ed un passo più vicino al traguardo finale.

Tabellino

Gelbison-Sancataldese 4-0 (2-0 pt)

Gelbison (3-4-1-2): D’Agostino; Marchetti, Conti, Barbetta; Graziani (58′ Onda), Fornito (71′ Ambro), Uliano, Chinnici; Ortolini (53′ Oggiano); Gagliardi (81′ Faella), Sparaciello (68′ Khoris). A disposizione: Gesualdi, Onda, Khoris, D’Angelo, Ambro, Ferrara, Faella, La Gamba, Oggiano. Allenatore: Gianluca Esposito

Sancataldese (4-3-3): La Cagnina; Salvo (83′ Lo Curto), Vitolo, De Marco, Canino; Rotulo, Calabrese, Fuschi (68′ Guido); Manno, Cess Nignama, Trentacoste (35′ Liga). A disposizione: Sansone, Liga, Fazio, Brunetti, Lo Curto, Guido, Brunetti, Valenti. Allenatore: Giovanni Campanella

arbitro: Matteo Frosi di Treviglio
assistenti: Antonio Alessandrino Di Basi; Giovanni Francesco Massari di Molfetta

marcatori:23′ Sparacello (G), 32′ Graziani (G), 53′ Fornito (G), 86′ Khoris (G)
tiri: 19-19
angoli:5-6
fuorigioco: 1-0

ammoniti: Vitolo (S), Khoris (G), Canino (S)
espulsi: //

recuperi: +2′ pt, +3