Fiorentina-Benevento 2-1. Cuore e gioco Strega ma non basta, Italiano va avanti e si regala il Napoli

Al Franchi si affrontano Fiorentina e Benevento per i sedicesimi di finale della Coppa Italia. I due tecnici hanno fatto delle scelte diverse rispetto a quelle usuali relative al campionato.

Le assenze di Letizia e Foulon hanno costretto Caserta a confermare Elia e Masciangelo sulle corsie esterne di difesa. Mentre al centro rientra Glik che per l’occasione indosserà anche la fascia da capitano. A centrocampo rientra Calò dal primo minuto. Viene preferito a Viviani nonostante la squalifica di quest’ultimo da scontare contro il Monza. Ad accompagnare l’ex Juve Stabia Tello e Acampora. In avanti Brignola e Sau supporteranno il terminale offensivo Moncini.

Parte dalla panchina Lapadula, così come Vlahovic. L’attacco della Fiorentina che sarà guidato da Kokorin. Esordio stagionale per l’estremo difensore Rosati. L’incontro è ad eliminazione diretta. In caso di parità si andrà ai supplementari e, eventualmente, ai tiri di rigore. La vincente si qualificherà agli ottavi di finale dove troverà il Napoli.

LA CRONACA – In apertura brivido Benevento. Palla di Brignola per Calò che tenta una sorta di tiro-cross: Moncini non ci arriva, con la palla che sfiora di poco il palo alla destra di Rosati. Prosegue il possesso della Fiorentina con la Strega che cerca di fare male con le ripartenze, questi i temi tattici della sfida. Al minuto 20 Fiorentina in vantaggio: calcio d’angolo di Callejon per Igor che fa da sponda per la testa di Milenkovic: il tap in da pochi passi del centrale difensivo è vincente. Male Moncini che ha tenuto in gioco l’autore del gol viola.

Il Benevento reagisce con Acampora che si inserisce e da due passi spara addosso a Rosati che ringrazia l’ex Spezia, oggi particolarmente nel vivo della gara. Ancora dai piedi di Acampora arriva una nuova occasione, traversone per la testa di Glik rimasto in proiezione offensiva, si esalta Rosati. Portiere dei toscani ancora superbo negli istanti finali di primo tempo, aggancio e botta in corsa di Moncini, ci mette il piedone il numero 25.

Alla prima sortita offensiva della ripresa, dopo soli 90 secondi raddoppio Fiorentina: cross dalla destra di Benassi per Sottil che va di testa, Manfredini respinge, sulla ribattuta c’è stato il tap in vincente dell’attaccante viola.

Inizio di ripresa decisamente frizzante, Sau recupera palla a limite dell’area, giocata a saltare Venuti e centrata bassa per Moncini che in spaccata riapre la sfida. Italiano ringrazia ancora Rosati, Moncini scarica a rimorchio su Calò, palla che sbuca tra mille gambe ma trova il grande intervento di Rosati stesso.

Traversone di Calò, velo di Moncini a liberare il tocco di Lapadula facile facile che regala il pari agli ospiti, il velo di Di Serio avviene però in posizione irregolare. Si resta con la Fiorentina avanti 2-1. Che poi diventa anche quello finale di risultato, un ottimo Benevento esce a testa alta e con delle buone indicazioni dalla Coppa  Italia. La Fiorentina si regala gli ottavi contro il Napoli.

TABELLINO

Fiorentina-Benevento 2-1

Fiorentina (4-3-3): Rosati; Venuti, Milenkovic, Igor, Terzic; Benassi (22’st Duncan), Ambrabat (31’st Pulgar)(43’st Bianco), Maleh; Callejon (22’st Gonzalez), Kokorin (31’st Vlahovic), Sottil. A disp.: Cerofolini, Odriozola, Quarta, Biraghi, Torreira, Bonaventura, Pulgar, Munteanu. All.: Italiano

Benevento (4-3-3): Manfredini; Elia, Glik, Vogliacco, Masciangelo; Tello (1’st Ionita), Calò, Acampora (34’st Insigne); Brignola (10’st Improta), Moncini (26’st Lapadula), Sau (10’st Di Serio). A disp.: Paleari, Pastina, Barba, Viviani, Basit, Vokic, Talia. All.: Caserta

Arbitro: Zufferli di Udine. Assistenti: Sechi e Cecconi. Quarto uomo: Fabbri. VAR e AVAR: Di Paolo e Di Iorio