Europa League. Volano Fiorentina e Roma, ko Sassuolo, disastro Inter

Due belle vittorie e due brutte sconfitte. Bilancio agrodolce per le italiane in Europa League con Fiorentina e Roma che dilagano rispettivamente con Qarabag e Astra Giurgiu mentre l’Inter incassa un’altra sconfitta e il Sassuolo cade in Belgio.

Reduce dallo 0-0 di Salonicco, la Fiorentina travolge il Qarabag al “Franchi” per 5-1 e sale in vetta al girone J in compagnia del Paok (2-1 a Liberec). La gara si fa in discesa per gli uomini di Paulo Sousa alla mezz’ora, quando gli ospiti restano in dieci per l’espulsione di Yunuszada, e nel finale di primo tempo la formazione viola mette in cassaforte la vittoria con una doppietta di Babacar (39′ e 47′) e in mezzo il sigillo di Kalinic (43′). Nella ripresa c’è spazio per Mauro Zarate e l’attaccante argentino mette il suo timbro personale siglando le due reti (18′ e 33′) che portano i gigliati sul 5-0 prima del gol della bandiera per gli ospiti siglato da Ndlovu in pieno recupero.

Buona prova all’Olimpico per la Roma, che rifila 4 reti ai modesti rumeni dell’Astra. A sbloccare la gara ci pensa al 15′ Strootman mentre nel recupero del primo tempo arriva il primo gol in giallorosso di Fazio. La gara si chiude definitivamente nei primi dieci minuti della ripresa, con l’autogol di Fabricio e la firma di Salah per il poker finale. Giallorossi al comando del girone E in compagnia dell’Austria Vienna con 4 punti.

Seconda partita e seconda sconfitta, invece, per i nerazzurri di Frank De Boer che dopo la figuraccia di San Siro contro l’Hapoel Beer Sheva tornano a casa a mani vuote dalla trasferta in Repubblica Ceca. A punire l’Inter è lo Sparta Praga, che si impone 3-1 grazie a una doppietta di Kadlec nel primo tempo e ad una rete di Holek nella ripresa. Di Palacio il gol che aveva ridato speranza ai nerazzurri per il momentaneo 2-1, poi l’espulsione di Ranocchia ha definitivamente compromesso le chance di rimonta. Ora serve una vera e propria impresa per passare il turno.

Dopo il brillante esordio contro l’Athletic Bilbao, il Sassuolo crolla sul campo del Genk: 3-1 il finale. Neroverdi sotto già dopo 8 minuti, puniti dal gol di Karelis, poi Bailey raddoppia al 25′ e nella ripresa, al 16′, Buffel fa calare il sipario. A poco serve l’acuto di Politano ma le chance di approdare ai sedicesimi restano intatte vista la vittoria dei baschi sul Rapid Vienna: tutti a quota 3 dopo due giornate.

 

Condividi