Ercolanese. Tifosi in contestazione, striscioni in città contro l’Amministrazione

Nonostante «meglio senza calcio, che con una società che ci rappresenta», non è ben digerita l’assenza di una squadra nella città degli scavi. A Ercolano, infatti, inizia una contestazione. Nella giornata, infatti, sono apparsi striscioni in città, diretti probabilmente all’Amministrazione Comunale, rea, secondo i tifosi, di non aver profuso impegno nel cercare una cordata che potesse garantire una tradizione calcistica.

Dopo l’addio dello Sporting Ercolano, squadra non riconosciuta come degna rappresentante, gli intenti di acquisire un titolo sportivo e renderlo l’erede ufficiale della 1924 non è riuscito. Cause ancora da accertare, ma per i più fedeli, poco importa. La sostanza, infatti, resta la stessa. Ercolano non c’è ai nastri di partenza dei campionati regionali e interregionali. La rappresentanza di Prima Categoria, infatti, non è considerata come una possibile fenice dalla gloriosa squadra, causa una dirigenza, a detta dei supporter, che ha solo pensato ai propri interessi.

Come detto, non è certamente tramontata la possibilità di vedere Vigorito alla guida di una cordata, ma non in tempi brevi. Intanto per la città di leggono i “je accuse”: “L’avete usata e sventrata, la nostra fede comune a società, gente senza dignità”.

Condividi