Durazzano. Pascarella torna all’ovile: ecco la firma del centrocampista

È stato chiamato per tornare ad indossare le scarpette e vestire la maglia del Durazzano. Carmine Pascarella, dopo alcuni anni di esperienza da istruttore nei settori giovanili ha deciso di tornare in campo e contribuire al progetto ambizioso della nostra società. Quando porti nel cuore una comunità come quella durazzanese, nella quale sei cresciuto è difficile dire di no. Carmine, ragazzo semplice e apprezzato da molti per il suo modo garbato di porsi con gli altri, non poteva essere escluso dal nostro organico. La società, con questo innesto conferma che punta molto sui ragazzi locali e a renderli parte integrante di un percorso calcistico iniziano due anni fa.

CARRIERA – Centrocampista classe 1996, i primi calci ad un pallone arrivano nella scuola calcio Gennaro Ruotolo di Orlando Ceglia. A 14 anni il passaggio al settore giovanile del Benevento, dove in 3 anni cresce al fianco di Carmelo Imbriani e Ciro Vigorito, due figure importanti della storia del Benevento calcio. Chiuso un capitolo importante a Benevento, nel 2013 si apre quello della Primavera del Carpi quando la società emiliana militava in Serie B. In Emilia, il percorso di Carmine si interrompe per situazioni poco piacevoli, dando una svolta alla sua vita. Terminato il percorso nelle giovanili, Carmine decide di provare l’esperienza all’estero, precisamente in Australia, nella South League indossando la maglia del Metrostars. In Australia vince una Coppa di Lega e si piazza secondo nella South League. Negli ultimi anni ha iniziato il percorso da allenatore, ricoprendo il ruolo di collaboratore nel settore giovanile della Casertana.

“Finalmente torno a casa e avrò il piacere di giocare dove tutto è cominciato – esclama Pascarella. Non è importante la categoria perché il calcio rappresenta la mia vita. Ho il piacere di tornare a casa e di unire la mia scelta professionale a quella sportiva. Sto notando l’importanza della società e del Paese nei miei confronti. Mi voglio assumere tutte le responsabilità ed accettare l’offerta della società”.

Condividi