Crotone-Benevento 0-2. Letizia-Lapadula cancellano la maledizione calabrese, la Strega non si ferma più

Il Benevento è di scena allo Scida di Crotone per la decima giornata del campionato di serie B. L’obiettivo è la conquista della seconda vittoria consecutiva che permetterebbe di scacciare via con un colpo di spugna il fastidioso tabù Scida. Caserta effettua delle modifiche alla formazione rispetto a quella che ha sconfitto il Cosenza al Vigorito. Panchina per Viviani, al suo posto c’è Acampora sulla linea mediana insieme a Calò. Sulla trequarti Brignola, Ionita e Tello sono a supporto di Lapadula.

La cronaca- Il Crotone ha il disperato bisogno di fare punti e lo mette subito in mostra, giocata di Mulattieri che salta Letizia e Ionita e ci prova, palla ch rimbalza davanti a Manfredini che chiude in due tempi. Ancora Calabresi avanti e ancora Manfedini protagonista, Oddei accende il motore e serve Maric con un suggerimento dolce, il croato a tu per tu con il 12 Sannita si fa ipnotizzare con Manfredini che chiude in angolo. Vibranti proteste per i padroni di casa quando Oddei entra in area e si allaccia con Foulon, per Meraviglia non ci sono gli estremi per il rigore. Un Benevento sopito non riesce a trovare la chiave per uscire dagli assalti dei Calabresi, Pitagorici che continuano a macinare gioco. Contropiede micidiale per gli ospiti, giocata di Lapadula che protegge palla  e aspetta i compagni e suggerimento per Acampora, l’ex Spezia manda Letizia in porta con il terzino che cambia passo e calcia a rete battendo Contini. Lacrime per Letizia dopo una tormentata estate, Strega avanti nel momento peggiore. La ripresa inizia che spacca la partita, ancora sullo stesso asse della prima rete. Acampora verticalizza per Capitan Letizia che calcia di prima, sulla traettoria della palla si inserisce il bomber Lapadula che di testa gira a rete. Meraviglia viene però richiamato al VAR per verificare la posizione della punta peruviana, bastano due replay al monitor per confermare la rete che mette in discesa la sfida. Il Crotone esce dai giochi accusando il colpo, i Sanniti si limitano a gestire il vantaggio doppio. Botta di Lapadula da punizione, Contini spinge e a fatica mette in angolo. Trema ancora il Crotone, Benevento vicino al tris. Ingenuità di Giannotti nel finale, già ammonito scalcia Vogliacco e si guadagna gli spogliatoi anzitempo. Finisce così allo Scida, il Benevento chiude il suo ottavo risultato utile consecutivo vincendo a Crotone dopo anni di dure sconfitte, per i Calabresi è notte fonda.

Crotone (3-4-1-2): Contini; Cuomo, Canestrelli, Paz (3’st Sala); Mogos (30’pt Giannotti), Zanellato, Vulic (1’st Donsah), Molina (33’st Juwara); Oddei; Maric, Mulattieri. A disp.: Festa, Saro, Visentin, Mondonico, Rojas, Nedelcearu, Borello, Schirò. All.: Modesto

Benevento (4-2-3-1): Manfredini; Letizia, Glik, Barba, Foulon (33’st Vogliacco); Calò, Acampora (33’st Di Serio); Brignola (1’st Vokic), Ionita, Tello (25’st Masciangelo); Lapadula (37’st Moncini). A disp.: Muraca, Tartaro, Basit, Elia, Insigne, Viviani, Sau. All.: Caserta

Arbitro: Meraviglia di Pistoia. Assistenti: Trinchieri e Dei Giudici. Quarto ufficiale: Saia. Var e Avar: Nasca e Pagnotta.