Coronavirus. Maradona: “L’Italia è parte della mia vita, ne verremo fuori”

L’Italia continua a riversare in condizioni critiche. L’intero paese è finito vittima di una brutta e cinica epidemia scoppiata a causa della repentina diffusione del COVID-19, noto comunemente come Coronavirus. La veloce propagazione di questa fastidiosa e, in casi specifici, mortale malattia, ha chiamato all’intervento del Governo, il quale con polso fermo e deciso è sceso in campo ponendo fine a ciascun tipo di attività ed eventi, compresi quelli sportivi.

In questi giorni sono diversi i personaggi famosi che si stanno stringendo attorno al popolo Italiano, manifestando segni di grande solidarietà. Altri, invece, si stanno adoperando in prima persona per rendersi utili alla causa con donazioni ad ospedali ed appelli che invitano i cittadini a restare nelle proprie case per evitare di elevare la velocità della diffusione dell’ormai noto Coronavirus. Tra le tante persone celebri che hanno mostrato un attestato di vicinanza per il popolo italiano, si è unito anche la leggenda del calcio, Diego Armando Maradona, nonché ex calciatore del Napoli.

El Pibe de Oro ha deciso, attraverso i propri canali social, di emanare un affettuoso messaggio all’Italia, nazione che per diverso tempo lo ha ospitato: “Ho vissuto a Napoli 7 anni. Lì vive parte della mia famiglia, molta gente che mi vuole bene e a cui io voglio bene. L’Italia è parte della mia vita e perciò voglio mandare il mio messaggio di sostegno in questo momento difficile. In Italia tutti hanno capito quanto sia importante rimanere a casa. Spero che in Argentina tutti risponderemo in tempo. Alcuni fanno ironia, ma la verità è che sabato scorso qui in Argentina nessuno parlava di pandemia. Tutti ci siamo salutati con un bacio e tutti gli stadi erano pieni. È vero quel detto secondo cui “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Spero che tutti riusciremo a superare questo momento nel miglior modo possibile. Sia lì, che qui. È difficile educare un Paese in 15 minuti, ma possiamo riuscirci con l’educazione, l’obbedienza e il rispetto. Buona fortuna a tutti!”.

 

 

Nunzio Marrazzo