Champions League. Juventus fermata sul pari all’esordio, reti bianche col Siviglia

Niente gol, una traversa, diverse occasioni, un assedio finale, ma alla fine la Juventus non passa. Non va oltre lo 0-0 la squadra campione d’Italia nell’esordio casalingo in Champions League contro un Siviglia molto ben organizzato da mister Sampaoli, tecnico che predica un calcio offensivo ma che a Torino ha badato al sodo dando equilibrio e compattezza alla sua formazione, nonostante i tanti giocatori offensivi schierati, a partire da Franco Vazquez, ex Palermo che pareggia la sfida personale con l’amico e connazionale Paulo Dybala.
La squadra di Allegri, che a sorpresa lascia in panchina Pjanic, parte molto bene sfruttando soprattutto il suo pressing alto, una situazione di gioco che all’8 minuto porta la “Joya” bianconera a servire una palla d’oro a Khedira. Il tedesco però, giunto a tu per tu con Sergio Ricu, fa partire un diagonale che si spegne ampiamente a lato. La premiata ditta Dybala-Khedira si ripete al quarto d’ora quando l’argentino, dopo aver ricevuto un uno-due da Higuain, si inventa un assist “circense” al volo per il tedesco che, per la seconda volta consecutiva, sbaglia la conclusione sparando addosso a Rico da pochi metri. Al di là delle due grandi occasioni di Khedira però, il match non è per niente spettacolare, con le due squadre tatticamente bloccate e attente a non scoprirsi. Alla mezz’ora, su di un rinvio sbagliato di Sergio Rico, Higuain offre un assist d’oro a Dybala, ma il suo dribbling di tacco sul portiere in uscita non riesce.
La Juve comunque ha pochi sbocchi, grazie al pressing alto del Siviglia che si dimostra squadra molto ben organizzata. Anche nella ripresa la Juve fa molta fatica in fase di costruzione di gioco, ma il Siviglia dimostra di aver speso tantissimo e al 12′ la Juventus crea la sua migliore occasione da rete: contropiede sulla destra e palla che da Dani Alves finisce sulla testa di Higuain, il Pipita incorna a botta sicura, ma sulla sua strada trova una clamorosa traversa. La Juventus con l’ingresso in campo di Pjanic e Alex Sandro guadagna qualità e sfiora il vantaggio su di una splendida azione iniziata da Khedira, confezionata da uno splendido cross basso di Dani Alves, ma non conclusa sotto porta da Dybala.
Ci prova anche Higuain ben servito da Khedira, ma l’argentino conclude con il piede sbagliato e il suo tiro è fuori misura. Ora la Juventus ha la partita in mano. Pjanic inventa un sombrero in area su Vitolo, prima di mettere in mezzo per Higuain, ma la conclusione dell’ex Napoli viene però splendidamente murata da Pareja. Nel finale Pjaca reclama un calcio di rigore per una leggera spinta di Vazquez in area, ma l’arbitro ben piazzato gli fa segno di rialzarsi. In pieno recupero ci prova Alex Sandro a botta sicura di testa, ma Sergio Rico è strepitoso e gli dice di no. Il forcing finale della Juve è asfissiante, ma la difesa del Siviglia, seppur stanca è molto attenta fino al triplice fischio finale dell’arbitro.
(ITALPRESS).

Condividi