Casalnuovo. Si va al Consiglio Comunale, questione stadio all’ordine del giorno

La chiusura dello Stadio Iorio a Casalnuovo sta creando non pochi malumori sia tra la città sportiva casalnuovese sia tra i tanti cittadini ed appassionati. Coinvolte in prima persona sicuramente sono le società dilettantistiche militanti nei campionati regionali di Prima Categoria, Promozione ed Eccellenza, ma anche le scuole calcio. Danno collaterale sono sicuramente le famiglie dei ragazzi iscritti.

Ci sono già state le prime “vittime”: la Domina Neapolis che ha già dichiarato di non iscrivere ai prossimi campionati di calcio a 5 Nazionale e Regionale le proprie squadre, ma anche il Casalnuovo che sembrerebbe stia trovando un accordo con il Pomigliano.

Una situazione che coinvolge molte realtà e persone, ma che ha bisogno di essere risolta e chiarita. Per questo motivo il Consiglio Comunale ha convocato una riunione per il prossimo 27 giugno alle 18:30. All’ordine del giorno sicuramente la questione stadio, ella speranza di poter appianare le divergenze ed arrivare ad una risoluzione. Si legge, sul comunicato del Consigliere Comunale Salvatore Errichello: La chiusura del Campo Sportivo per gli allenamenti fino al 2019 non ha nessuna giustificazione tecnica. Questo provvedimento danneggia seriamente tutte le squadre di Calcio di Casalnuovo che nella totalità vede impegnati circa 700 ragazzi di tutte le età (maschile e femminile). Se le Società di Calcio di Casalnuovo vogliono continuare la loro attività sportiva devono rivolgersi a impianti privati; anche volendo pagare somme altissime per gli allenamenti, resta il problema che le strutture a Casalnuovo e dintorni non sono disponibili. Questo significa che le squadre non potranno iscriversi ai campionati. La mancata iscrizione ai campionati significa fermare tutto un mondo sportivo che oltre al fatto che esercita una funzione sociale per molti ragazzi, toglierebbe un indotto economico molto importante a cominciare da Tecnici, Personale Medico e Paramedico, Collaboratori delle Società e tutte le attività commerciali che ruotano intorno al mondo del calcio. A Casalnuovo le Universiadi utilizzeranno il Campo Sportivo solo per 10 allenamenti in quanto lo Stadio Comunale è un impianto secondario. L’Agenzia Regionale delle Universiadi ha chiesto che solo in quei 10 giorni del 2019 l’impianto deve essere a completa disposizione loro.
Chiarite queste cose sappiamo tutti a Casalnuovo i veri motivi per il quale è stato limitato l’utilizzo del Campo Sportivo.

Pochi giorni, quindi, e a Casalnuovo si potrebbe arrivare ad una soluzione.

Cristina Mariano