C.Ponticelli. Ko 3-1 con lo Stasia, la cronaca del match

Questa volta è tornato a casa con una sconfitta il Campania Ponticelli. La squadra di Giovanni Masecchia, pur riuscendo a ripetere la prestazione offerta in settimana contro il Miano, non è riuscita a scardinare la difesa dello Stasia, concludendo la partita con lo score di tre a uno. Risultato bugiardo quello del De Cicco visto che sul piano del gioco la squadra ospite ha dominato la manovra per tutto l’arco della gara. Situazione quasi clamorosa visto che di fronte si è trovata una formazione di categoria superiore, che punta alle posizioni di vertice della classifica e per di più con l’aggravio di giocare in trasferta su un campo in pessime condizioni. Eppure alla prima occasione la squadra di Felice Mollo è passata in vantaggio grazie ad un errore di La Tela, fino al quel momento perfetto, che ha lanciato Carnicelli a tu per tu con Manzella, battendolo per il vantaggio casalingo. Nei restanti dieci minuti del primo tempo il Campania Ponticelli è tornato a far gioco e sprecare occasioni concludendo in svantaggio la prima frazione. Nella ripresa, su calcio piazzato, il difensore Maione ha trovato il meritato pari per gli ospiti con un delizioso colpo di testa a scavalcare il portiere. Dopo il pareggio ancora dominio per il team di Masecchia, ma ancora una volta sterile: Bifaro, Cipollaro ed Imparato non sono riusciti a battere il portiere avversario. Nel finale di partita un rigore trasformato da Di Sabato ed una rete di Vacca chiudono i giochi. Prima del triplice fischio ci hanno provato anche Ricciardi ed ancora Maione (occasione clamorosa) ad andare in gol, ma i ltutto si è concluso con un nulla di fatto. In ogni caso tutti possono ritenersi soddisfatti al termine della gara: Masecchia ha visto nei suoi lo spirito giusto ed il tipo di gioco che chiede nonostante la preparazione sia iniziata da circa dieci giorni; Mollo si è tenuto stretto il risultato finale. Per il Campania Ponticelli si tornerà a lavorare marted√¨ dopo la giornata di riposo di domani concessa da Masecchia.

Condividi