Bulgaria-Italia. Alla scoperta dei Leoni dell’Est Europa tra curiosità, precedenti e probabili formazioni

Archiviata la pratica Irlanda del Nord gli Azzurri voltano pagina e trovano la Bulgaria. Seconda sfida verso il cammino di qualificazione dei Mondiali di Qatar, sfida da non sottovalutare vista la tenacia caratteriale  e la potenza fisica dei Bulgari. Andiamo alla scoperta della prossima avversaria degli Azzurri.

La generazione d’Oro 1994 e i talenti di casa- Nazionale tra le più rappresentative dell’Est Europa, la Bulgaria ha impressionato tutti nei Mondiali 1994. La Nazionale guidata da Hristo Stoickov raggiunge le semifinali eliminando l’Argentina ai gironi, la Germania campione in carica ai quarti per poi perdere proprio contro la nostra Nazionale in semifinale, perde anche la finalina giungendo in 4 posizione. Attualmente occupa il 68° posto nel ranking Fifa, il miglior risultato è l’ottavo posto raggiunto nell’inverno 1995, mentre il peggiore resta il 98° posto di fine 2012. I migliori marcatori sono ad exequo Dimitar Berbatov e Hristo Bonev, mentre il record man di presenze resta Stirijian Petrov con 105 presenze. Tra i giocatori da tenere d’occhio ci sono diverse nostre conoscenze, da Valentin Antov classe 2000 difensore centrale in forza al Bologna a Andreij Galabinov e Kiril Despodov, entrambi punte di Spezia e del Ludogorets ma in prestito dal Cagliari. Il miglior contributo ai Leoni viene dato da Lokomotiv Plodviv, Ludogorets e CSKA Sofia, le maggiori potenze dell’Est Europa.

I precedenti e gli ultimi risultati- Azzurri e Luovete si sono affrontati nella loro storia ben 19 volte con uno score di due successi per la Bulgaria,7 pareggi e 10 successi dell’Italia. Gli ultimi e più recenti precedenti tra le due squadre vedono 3 pareggi e 3 vittorie italiane, l’ultima nei gironi di qualificazione a Euro 2016 vinta per 1-0. La Bulgaria ha partecipato a 7 Mondiali, con esordio nel 1962 e con il miglior piazzamento quello dell’edizione 1994, il quarto. Ha partecipato a due Europei, con esordio nell’edizione 1996 e seconda partecipazione nella kermesse dell’2004, in entrambi i casi eliminazione al primo turno. In Nations League conta due partecipazioni, il miglior risultato è il 15esimo posto dell’ultima edizione.

Le probabili formazioni- La Bulgaria dovrebbe confermare il 3-4-2-1 visto nel ko con la Svizzera. Dimov, Bozhikov e Zanev i tre deputati a proteggere il portiere del Ludogorets Plaven Iliev; favoriti per le due maglie della cerniera di centrocampo Georgi Kostadinov e l’ex Palermo Ivaylo Chochev, mentre sule fasce agiranno Popov ed il brasiliano naturalizzato Cicinho. I dubbi di formazione per il CT Petrov riguardano la fase offensiva: Georgi Jomov e Kiril Despodov, di proprietà del Cagliari, dovrebbero assistere Dimitar Iliev come punta centrale. Mancini potrebbe optare per un massiccio turnover in vista della terza partita di mercoledì 31 marzo contro la Lituania, dettato anche dalle assenze di Domenico Berardi, Francesco Caputo e Giorgio Chiellini che non sono partiti con la squadra. Il fronte offensivo potrebbe cambiare per due terzi della sua composizione: chance per Andrea Belotti come centravanti dopo i 90 minuti di panchina contro l’Irlanda del Nord, mentre a destra favorito per una maglia da titolare Federico Chiesa su Lorenzo Pellegrini. A centrocampo l’unica variazione potrebbe riguardare Nicolò Barella, che potrebbe tornare fra gli undici in luogo di Lorenzo Pellegrini, mentre nel reparto difensivo potrebbe esserci una opportunità per Leonardo Spinazzola e Giovanni Di Lorenzo, in difesa ballottaggio tra Francesco Acerbi e Alessandro Bastoni per affiancare Leonardo Bonucci, qualche chance anche per il debutto di Rafael Toloi.

Dove si gioca e chi arbitra- Si giocherà allo stadio Vasil Levski National Stadium di Sofia, stadio di casa per la Nazionale di Yasen Petrov. La sfida sarà diretta da Slavko Vinicic, sloveno alla presenza numero 73 in gare internazionali. Il direttore di gara sarà assistito da Klancik e Kovac, quarto uomo Jug, tutti sloveni.Come da regolamento non ci sarà alcun tipo di supporto tecnologico, il VAR non è mai previsto a differenza della Gol Line Tecnology per i soli stadi che possono ospitarla.