Benevento-Sassuolo 0-1. Come all’andata ad Inzaghi il cuore non basta, la decide Barba con un autogol

Allo stadio Vigorito si chiude la 30° di A, la chiudono il Benevento e il Sassuolo. Da un lato la squadra di Inzaghi, premiato con la panchina d’argento nel pre partita, vuole avvicinare sensibilmente la corsa salvezza. Il Sassuolo per continuare ad incantare e correre per la zona europeea. Dirige Valerio Marini di Roma.

La cronaca- Dopo pochi minuti di studio il Sassuolo alza i toni, diventando realmente pericoloso. Sbaglia Barba, Raspadori scarica a rimorchio per Maxime Lopez, che ciabatta a lato un rigore in movimento. Predominio nel possesso palla del Sassuolo, ma il Benevento tiene bene il campo. Sfida che continua con il Sassuolo che continua a macinare gioco, Djuricic fa filtrare per Locatelli, che si gira in un fazzoletto, al limite dell’area di rigore, e cerca l’incrocio dei pali incrociando il sinistro: fuori di non molto. Il Benevento non rischia, un pari manderebbe i Sanniti a +9 sulla zona rossa di classifica. A fine primo tempo, sull’ultima situazione, il Benevento cade in svantaggio. Boga va via indistrubato, prende la linea di fondo e la mette dentro con l’esterno sinistro, Barba fa autogol nel tentativo di anticipare Raspadori. Ripresa che sembra ricalcare lo stesso spartito della prima frazione, Sassuolo vicino al raddoppio. Raspadori fa filtrare per Boga, Montipò esce ma perde il rimpallo, Depaoli è provvidenziale nel salvataggio su Locatelli. La risposta dei sanniti arriva con Lapadula che sciupa un contropiede innescato da Schiattarella rientrando sul sinistro e perdendo il tempo per l’assistenza a Gaich. Traversa del Sassuolo. Tutta la classe di Boga, che scarica un sinistro potente all’incrocio dei pali. Emiliani in piena gestione della gara, alla ricerca costante della rete che chiude la sfida. ancora Sassuolo stavolta con Djuricic dall’altezza del dischetto dell’area di rigore, su tocco arretrato di Haraslin,  l’ex della sfida spara incredibilmente in Curva.  Raspadori si divora il raddoppio calciando sul fondo a margine di una ripartenza, su tocco errato di Iago Falque, che lo aveva portato a presentarsi tutto solo davanti a Montipò. Nei secondi finali Benevento con il cuore a provarci fino alla fine, prima il colpo di testa di Glik dove Consigli strappa applausi poi la conclusione di Letizia deviata da Depaoli che trova un altra risposta miracolosa di Consigli. Finisce cosi, il Sassuolo si prende tre punti utili solo per la propria corsa.

Benevento, 3-5-2: Montipò; Tuia(65° Caprari), Glik, Barba; Depaoli, Hetemaj(56°Letizia), Schiattarella(65°Viola), Ionita, Improta; Sau(56°Lapadula), Gaich(76° Iago Falque).All. Filippo Inzaghi

Sassuolo, 4-2-3-1: Consigli; Muldur(77°Toljan), Marlon, Ferrari, Kyriakopoulos(77°Rogerio); Locatelli, Magnanelli(69°Obiang); Boga, Lopez(69°Haraslin),Djuricic(82°Chiriches) Djuricic; Raspadori. All. Roberto De Zerbi

Ammoniti- Foggia(dalla panchina per proteste), Teresa(dalla panchina per proteste), Ferrari(per gioco falloso), Tuia(per gioco  falloso), Schiattarella(per gioco falloso), Magnanelli(per gioco falloso)

Espulsi-