Benevento-Pisa 5-1. La Strega fa l’incubo ai toscani, gol e spettacolo per gli uomini di Caserta

Diluvia su Benevento e sul Vigorito in un’atipico pomeriggio di inizio aprile, dentro il palcoscenico verde dei Sanniti arriva il Pisa, sfida in quota tra le due formazioni. Il Pisa per scavare il solco tra zona playoff e zona promozione diretta, Benevento per riportare il sereno e accorciare a meno 3 dalla prima della classe con una gara da recuperare. Mancano i nazionali ai padroni di casa, Glik e Lapadula usciti malconci dagli impegni internazionali non si accomodano neanche in panchina, davanti tridente veloce con Insigne e Improta ai lati di Forte, Glik sostituito da Vogliacco che affianca Elia che concede riposo a Foulon. Pisa di D’Angelo con Torregrossa supportato da Sibilli e Benali, attacco di spessore per la categoria, occhio alle fasce dove agiranno Mastinu e Beruatto. Dirige Di Martino.

La cronaca

Subito a ritmi altissimi in Campania, 90 secondi e strappo per vie centrali di Acampora, conclusione veloce e insidiosa che solletica i riflessi di Nicolas. Dalla sortita successiva dalla bandierina Insigne va al traversone che Leverbe rinvia sui piedi di Ionita che prende la mira e spara in rete da due passi, partenza sprint per i Giallorossi. Partenza sprint a cui il Pisa fa da controaltare con il traversone di Mastinu che diventa un tiro, Paleari in arretramento si salva in angolo con l’aiuto della traversa.

Dalla bandierina Benali centra la testa di Leverbe, torsione di un certo livello di difficoltà a cui Paleari risponde con una parata da grandi palcoscenici, manone aperto e palla in angolo. Il Benevento non resta a guardare, traversone di Improta per il colpo di testa di un isolatissimo Insigne, parata a chiudere lo specchio al palo di Nicolas che si prodiga a tenere i suoi negli scarichi dei Sanniti. Minuto 32, fa tutto un caparbio Acampora che porta a spasso la difesa toscana e si prende addirittura il fondo per andare alla centrata,  Caracciolo nell’estremo tentativo di anticipare Forte in agguato se la mette dentro da solo, scappa via il Benevento.

I padroni di casa provano addirittura a chiuderla prima della sosta negli spogliatoi, il solito Acampora da punizione per la testa di Forte, incornata che esce forse di due centimetri. La ripresa non cambia più di troppo le cose, Insigne apre la gittata di piattone per il dirimpettaio di fascia Improta, tuffo e palla schiacciata a rete per il tris Strega che saluta forse definitivamente il Pisa. Insigne continua a fare il diavolo a quattro di fascia e stavolta pennella sulla fronte di Forte, palla alta ma Benevento in surplus territoriale e di gioco.

Il Benevento porta a spasso il Pisa, ripartenza diretta e eseguita alla perfezione per vie centrali da Acampora, apertura dolce per Forte che accompagnava, botta dello Squalo che trova i guantoni di Nicolas in angolo. Si aspettava solo il suo momento, che puntualmente arriva, il morso dello Squalo Forte. Azione bellissima di Forte che tiene palla e scambia con Ionita, poi l’aiuto di Acampora ad allargare su Improta, una finta e palla dolce sulla testa di Forte a cui basta toccare per fare poker giallorosso.

I toscani sono lontani dai fasti soliti, Calo su punizione mette in mostra le doti balistiche e palla che fa la barba al palo di un Nicolas inerne. Pisa che si rifà vivo nel finale, Barba colpisce male di testa e rimette in gioco Masucci che quasi involontariamente apparecchia alla bomba di Puscas che realizza la rete da ex.

Benevento che però è estremamente magistrale, ennesimo contropiede e stavolta Moncini apre per Andres Tello che calcia sul palo di Nicolas, rete e 5-1 per il Benevento che narcotizza la gara e i 3 punti.

Urla forte la Strega, di rabbia e di qualità la squadra di Mister Caserta si riscrive alla corsa promozione dirette. Urla forte anche il Pisa, ma di paura con gli uomini di D’Angelo che crollano nello specchio delle sue paure e dei suoi orrori.

ph credit: Mario Taddeo-Benevento Calcio

Tabellino di gara
Benevento – Pisa 5-1

Benevento (4-3-3): Paleari; Elia, Barba, Vogliacco, Letizia; Ionita (29’st Moncini), Calò, Acampora (36’st Gyamfi); Insigne (17’st Tello), Forte (36’st Petriccione), Improta (36’st Farias); A disp.: Manfredini, Viviani, Sau, Masciangelo, Talia, Pastina, Brignola. All.: Caserta

Pisa (4-3-1-2): Nicolas; Birindelli, Leverbe, Caracciolo, Beruatto; Siega (36’st Di Quinzio), Nagy, Mastinu (13’st Marsura); Benali (13’st Tourè); Torregrossa (13’st Puscas), Sibilli (25’st Masucci). A disp.: Livieri, Dekic, Berra, Cohen, Gucher, De Vitis, De Marino. A disp.: D’Angelo

Arbitro: Di Martino di Teramo. Assistenti: Di Iorio e Rossi. IV ufficiale: Feliciani. Var e Avar: Dionisi e De Meo

ph credit: Mario Taddeo-Benevento Calcio