Benevento – Pescara 4-0.Strega sei imbattibile, Abruzzesi in caduta verticale

Nel clima surreale di un Vigorito senza cornice di pubblico vanno in campo Benevento e Pescara. Il Benevento per continuare la corsa straordinaria in vetta alla classifica, il Pescara per rialzare la testa e tornare a lottare per un posto nei playoff.

Mister Inzaghi fa riposare Caldirola, Hetemaj e Viola, con il terzo che va in tribuna. Il Pescara perde Scognamiglio nel riscaldamento, al suo posto Marafini, classe 2000 al debutto tra i pro.

Dopo lo studio iniziale a ritmi bassi è il Pescara che prova a dar noie a Montipò,lo fa con la punizione di Memushaj che mette la palla di poco sulla traversa. Al minuto 17 esce dalla tana il Benevento ed è subito letale. Moncini fa la sponda a Sau che spalle alla porta si inventa il colpo di tacco a servire l’accorrente Insigne,il numero 19 mira e appoggia a giro sul palo più lontano per sbloccare il match.Rete numero 7 nelle ultime 8 gare per Insigne sempre più determinante nello scacchiere di Inzaghi. Il Pescara accusa il colpo, al 21′ errore in fase di costruzione per Bettella, Del Pinto recupera e verticalizza per Insigne che restituisce il favore a Sau. L’ex Cagliari stoppa e piazza all’angolino per il gol del 2-0 del Benevento. Al 27′ il Pescara prova a darsi una scossa con la conclusione di Bettella che dopo un coast to coast ci prova, Montipò si rifugia in angolo. Subito dopo doppio destro-sinistro di Memushaj che si inserisce in area e prova il pallonetto, trova Montipò in uscita a dire no. Al minuto 33′ il Benevento in stile Playstation. Da Barba a Schiattarella, finta di cross e imbucata per Improta che crossa docile docile per Moncini che deve solo spingere in rete il gol del 3-0 dei Sanniti.

La ripresa si apre con la punizione di Memushaj che ci prova da fermo, palla di poco alta. Cinque minuti dopo il Benevento cestina il 4-0.Gran palla di Moncini per Sau, il fantasista sardo dopo lo stop mette di poco a lato. Poco più tardi super giocata di Insigne che prova il sinistro a giro, palla sulla traversa di poco. Si accende ancora Insigne che apre per Sau lasciato tutto solo, ci prova il numero 25 che trova però la risposta di Fiorillo. Al 64′ I bucata di Clemenza per Borelli che sorprende la difesa di Inzaghi ma non Montipò che difende bene la sua porta. Al minuto 71 ancora Benevento da Playstation. Da Hetemaj a Insigne, finta e contro finta del numero 19 che serve facile facile Improta che fa 4-0.Benevento che sul 4-0 non si ferma, ci prova prima Kragl con uno dei suoi siluri e poi Improta, su entrambi superlativa la risposta di Fiorillo. Nel finale ci sono anche 7 minuti per Basit, giovane classe ’99 inserito da Inzaghi per l’ esordio.

Il Benevento annienta il Pescara. La capolista a 9 punti dalla matematica promozione in A, per il Pescara è crisi nera.

Benevento:Montipò, Maggio, Tuia, Volta, Barba, Schiattarella, Del Pinto (83′ Basit), Insigne (73’Kragl),Improta, Sau(65′ Hetemaj), Moncini. All. Inzaghi. A disposizione:Gori, Manfredini, Rillo, Pastina, Caldirola, Di Serio, Coda.

Pescara:Fiorillo, Bettella, Marafini(82’Diambo),Campagnaro, Crecco, Memushaj, Bruno(58′ Melegoni), Masciangelo, Galano, Clemenza, Borrelli(70’Maniero).All.Legrottaglie. A disposizione :Farelli, Alastra, Melegoni, Forte, Bojinov, Pavone.

Ammoniti:Maggio, Volta.(BN)

Arbitro :Rapuano(Rossi-De Giudici)

 

Photo Pagina Facebook Mai stati lì