Benevento- Juventus 1-1. La Vecchia Signora rimane Stregata, al Vigorito sorride solo Inzaghi

Allo stadio “Ciro Vigorito” la Cenerentola Benevento riceve la visita della Regina della Serie A, la Juventus di Andre Pirlo. La squadra di Pippo Inzaghi alla ricerca di conferme dopo la vittoria di Firenze,  la Juventus per continuare a correre e tentare l’aggancio alla vetta. Serata di calcio nella memoria di colui che è stato il calcio nella sua massima incarnazione, Strega e Vecchia Signora nella memoria di Diego Armando Maradona. Benevento che conferma gli stessi interpreti della  sfida di Firenze, Lapadula sostituisce Moncini. Juventus senza Cristiano Ronaldo, in avanti Morata e Dybala. Dirige il signor Pasqua di Tivoli.

La sfida- Sfida che inizia chiaramente con il minuto di raccoglimento per la memoria di Diego Maradona, tutti con il lutto al braccio. Il Benevento si chiude bene e riparte nei primi minuti, Cuadrado rischia con un retropassaggio per il suo portiere che si salva. Benevento che ha la prima occasione al minuto 10, Caprari serve Barba in sovrapposizione con il terzino che ci prova, si rifugia in angolo Szczesny. Alla prima occasione la Juve fa male al Benevento, apertura di Chiesa pazzesca, Morata punta Ionita e incrocia trovando il vantaggio dopo 21 minuti. Poco dopo  Dybala sfiora il 2-0, con una grande azione della Juve. Lo stesso Dybala parte dalla fascia destra ricevendo da Morata e accentrandosi. Uno-due anche con Ramsey che lo smarca al tiro da posizione centrale col mancino. Fuori di pochissimo. Alla mezz’ora dubbi nello scontro tra Lapadula e Danilo, per Pasqua è tutto regolare. A 10 dalla fine della prima frazione Morata sfonda sulla destra e mette in mezzo per Dybala, contrastato. Proteste Juve, ma per Pasqua è palla per Schiattarella. Un minuto più tardi Lapadula va un passo dal pari, colpo di testa di un soffio fuori a Szczesny battuto. Minuto 48, Schiattarella ubriaca la difesa della Juve e calcia, miracolo clamoroso di Szczesny. Dalla bandierina schema che porta al tiro Gaetano Letizia, il terzino prova il tiro e trova il palo più lontano con un grandissimo gol, 1-1 all’intervallo al Vigorito. Nella ripresa subito Improta. Destro in diagonale dalla destra dell’area, palla larga non di molto. Occasione anche per la Juve. Gran palla di Frabotta alle spalle della difesa per Chiesa, che crossa in area dal fondo dalla sinistra. Morata va in anticipo, ma manda fuori di testa da due passi, quando siamo ormai al minuto 52.  Al 61′ botta di Morata dai 25 metri. Palla larga non di molto.Quindici minuti alla fine. Benevento col 5-3-2 in campo. Dopo un primo tempo con tante chance, solo due quelle nella ripresa, entrambe nei primissimi minuti. Partita ancora apertissima. E’ la Juve che fa la gara alla caccia del vantaggio.Occasione Juve,col mancino di Dybala in area su cross dalla sinistra di Bernardeschi. Para Montipò in corner, a 5 dalla fine. Finisce cosi, con il Benevento che firma l’impresa, vola a 10 punti e allontana sempre di più la zona retrocessione.

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Caldirola( 33′ Maggio)(60’Insigne), Glik, Barba; Hetemaj, Schiattarella; Improta, Ionita(70’Tello), Caprari(70’Tuia); Lapadula(70’Sau). All.: F. Inzaghi.

AMMONITI: Maggio(BEN),Cuadrado(JUV),Schiattarella(BEN),Inzaghi(BEN),Barba(BEN),Improta(BEN)
ESPULSI:Morata(JUV)