Benevento-Juve Stabia 1-1. Pari e spettacolo al “Vigorito”

Si chiude in parità il derby del monday-night. Risultato bugiardo al termine di un match dalle mille emozioni, che ha visto protagonista la Juve Stabia sfiorare l’impresa al Vigorito. Le vespe giocano ad armi pari, frutto di una prestazione di spessore sul campo di una candidata alla vittoria del campionato e i termali si fanno raggiungere dal Benevento soltanto nei minuti finali a causa di una sfortunata autorete di Migliorini. Mister Zavettieri in partenza non rinuncia all’ormai collaudato 4-4-2, davanti a Polito, la coppia formata da Polak e Migliorini con Romeo e Liotti sulle corsie laterali; in mediana Obodo e Favasuli, mentre i due esterni Arcidiacono e Contessa il compito di ispirare le due punte Nicastro e Gomez. Auteri risponde con il 3-4-3 ispirando Ciss√© terminale offensivo, assistito da Mazzeo e Di Molfetta.

Inizio aubito arrembante per i sanniti, al primo Di Molfetta conquista corner sulla destra. Alla battuta va Cruciani che pesca l’incornata di Cissè, la palla è debole e termina tra le braccia di Polito. Due giri di lancette e al 3′ occasionissima per Di Molfetta: l’esterno giallorosso calcia in porta da posizione defilata provando il destro a girare, Polito vola e respinge. Intorno al 10′ si registra la prima occasione per la Juve Stabia, sinistro dal limite di Gomez, Gori si distende blocca in due tempi. Interessante scambio nello stretto tra Cruciani e Cissè, quest’ultimo conclude con il mancino dal limite, palla deviata in angolo da un difensore. Sugli sviluppi del corner è ancora Cissè a provare il tentativo ma il colpo di testa è debole e si perde sul fondo. La Juve Stabia si rende pericolosa al 22′ con l’iniziativa di Nicastro ma la conclusione della punta stabiese è centrale e dunque facile preda di Gori. Su azione susseguente, lodevole la semirovesciata di Arcidiacono su cross di Contessa, ma sfortuna per il team stabiese che la sfera si perde sul fondo. Il Benevento si rivede solo su calcio da fermo al 26′ con una punizione di Cruciani dai trenta metri, e la pallatermina alta sul fondo. Insiste la Juve Stabia su azione da corner di Arcidiacono battuto dalla destra, stacco a centro area di Migliorini che salta tutto solo ma non trova lo specchio della porta. Fino al termine della prima frazione di gioco è il Benevento a impostare la manovra, i sanniti tentano l’assalto senza però troppa convinzione e di fatto le iniziative dei locali sono sterili senza produrre azioni degne di nota .In chiusura di frazione si registra una solitaria fuga di Melara sulla corsia di destra, cross al centro per Cissè che impatta male con il destro. E’ l’ultima azione del primo tempo. Termina cos√¨ il primo tempo con poche emozioni

La ripresa si apre con due cambi in casa giallorossa. Al 1′ Mazzarani subentra a Som, mentre dopo quattro minuti si fa male Mucciante che viene sostituito da Padella. Tatticamente tutto invariato per la squadra di Auteri. Al 6′ la Juve Stabia si porta in vantaggio. Gomez approfitta di un errato disimpegno di Lucioni e non ci pensa due volte: destro al volo e palla sotto al sette. La palla si insacca all’angolino alto alla sinistra di Gori. Il Benevento stenta a reagire e la risposta dei padroni di casa arriva al 19′: Cross di Melara dalla destra, palla a spiovere e colpo di testa della punta guineana che trova la super risposta del portiere gialloblu, che si supera con un prodigioso intervento che salva il risultato. Dopo un paio di minuti, Favasuli è protagonista di una bella iniziativa solitaria sulla sinistra, cross vincente per Nicastro che segna, e la terna arbitrale ci mette del suo annullando ingiustamente la rete per un inesistente off-side. Ad otto minuti dal termine i padroni di casa riescono a pareggiare. I giallorossi si portano sull’1-1 con un’autorete di Migliorini. Solita fuga di Melara sulla destra, cross teso al centro e deviazione del difensore stabiese che beffa Polito.
Zavettieri a questo punto preferisce non rischiare, richiamando Gomez per De Risio, cercando di coprire gli spazi. Di fatto non accade più nulla da segnalare e dopo cinque minuti di recupero il signor Perotti di Legnano manda tutti negli spogliatoi. Benevento-Juve Stabia finisce 1-1

IL TABELLINO DEL MATCH

Benevento (3-4-3): Gori; Mattera, Lucioni, Mucciante (4’st Padella); Melara, Del Pinto, Cruciani (29’st De Falco), Som (1’st Mazzarani); Mazzeo, Cissè, Di Molfetta. A disp. Piscitelli, Bonifazi, Porcaro, Bianco, Pezzi. All. Gaetano Auteri.
Juve Stabia (4-4-2): Polito; Romeo, Polak, Migliorini, Liotti; Arcidiacono (22’st Vella), Obodo, Favasuli, Contessa (37’st Gatto); Gomez (41’st De Risio), Nicastro. A disp. Modesti, Carillo, Mileto, Buondonno, Carrotta, Caserta, Celin, Mascolo. All. Nunzio Zavettieri.
Arbitro: Pierantonio perotti di legnano
Assistenti: Andrea Trovatelli di Prato e Filippo Bercigli di Valdarno
Reti: 6’st Gomez (JS), 36′ aut. Migliorini (B)
Ammoniti: 6’st Gomez (JS), 31’st Liotti (JS), 44′ st Polito (JS), De Falco (B)
Angoli: 5-2 per il Benevento
Spettatori: 2.957 (1.292 paganti di cui 397 da Castellammare di Stabia)

Armando Mandara

Condividi