Benevento-Fiorentina 1-4. Vlahovic affossa la Strega, Inzaghi e i suoi ora tremano pericolosamente

Allo stadio Vigorito va in scena Benevento-Fiorentina, sfida salvezza fondamentale per entrambi. Benevento con un unica novità di formazione, Schiattarella con Hetemaj ai lati di Viola con Ionita spostato in fascia. Prandelli non cambia nulla confermando la formazione pronosticabile per i Viola, con Vlahovic si rivede Ribery. Benevento con 26 punti, Fiorentina con 26 come i diretti avversari. Il Cagliari insidia le due squadre, occhio anche al Torino. Dirige il signor Piero Giacomelli.

La cronaca- Sfida subito a grandi ritmi, primi due minuti con la Fiorentina a provare a imbastire gioco trovando le ottime chiusure della squadra di Inzaghi. Al minuto 3 giro palla della squadra di casa, lancio di Schiattarella per Caprari che punta Milenkovic e prova la conclusione a giro, palla che sfiora l’incrocio dei pali. La Fiorentina la sblocca al primo affondo, quello di Ribery. Il francese si accende per vie centrali e serve Eysseric al limite, l’altro francese va alla centrata per Vlahovic che prende in controtempo Montipò e sblocca la sfida. Il Benevento non trova spazi, la Fiorentina si con le sue fiammate personali. Stavolta quella di Martinez Quarta che all’ingresso in area serve Eysseric, cross ancora per il centrale argentino che non riesce ad indirizzare verso i pali. Benevento che continua a soffrire le iniziative di Ribery, stavolta il francese allo scambio con  Eysseric che tenta il colpo di ritorno chiuso alla grande da Hetemaj. 30 secondi più tardi angolo di Eysseric che trova la testa di Caceres, miracolo di Montipò che nulla può però sulla corta respinta di Vlahovic che fa doppietta e 11 in stagione. La reazione dei padroni di casa è affidata a Gaich, lancio di Improta letto male da Pezzella che spiana la strada alla punta ex Cska, il suo tacco però è ben respinto da Dragowski che mette in angolo. Al primo minuto di recupero lancio di Dragowski per Vlahovic che lotta con Glik e dopo aver vinto il duello ci prova da trequarti campo, Montipò fuori dai pali non può nulla sulla perla della punta Serba che chiude la  sfida già nella prima frazione. La ripresa inizia con Insigne in campo al posto di Viola, proprio Insigne ad accendersi e mettere il pallone a lato di poco dopo una bella iniziativa personale. Il Benevento torna in partita, lo fa al minuto 55. Angolo di Insigne che mette al centro dove svetta Ionita, impatto perfetto e palla dove Dragowski non può nulla. 1-3 e sfida riaperta a Benevento. Benevento che prova l’impresa, Caprari al centro per l’inserimento di Hetemaj che non arriva con troppa decisione sulla palla e mette alto di poco. Sprazzi di grande Benevento, ancora Caprari che sfrutta lo scarico di Hetemaj e ne salta tre prima di calciare, grande risposta di Dragowski.Sull’angolo successivo girata di Glik sulle mani di Caceres, per il VAR non c’è nulla. Al 75° la Fiorentina chiude i conti, errore di Schiattarella che si dimentica il pallone e lo regala a Ribery che punta e serve Eysseric, il numero 92 spennella alle spalle di Montipò e realizza il punto del 1-4. Finisce cosi, sconfitta pesantissima per i Giallorossi che ora devono guardarsi le spalle, respira la Fiorentina.

BENEVENTO (4-3-1-2): Montipò; Improta, Tuia, Glik, Barba; Hetemaj(68°Lapadula), Schiattarella, Viola(46′ Insigne) Ionita, Caprari(85°Foulon); Gaich(76°Sau). ALL.: F. Inzaghi.

FIORENTINA (3-4-2-1): Dragowski; Milenkovic, Ger. Pezzella, M. Quarta(90°Oliveria); Caceres, Pulgar, Bonaventura(76°Valero), Venuti; Eyesseric(76°Callejon), Ribery(90° Montiel); Vlahovic(76°Kouame). ALL.: Prandelli.

AMMONITI: Glik(per gioco falloso), Pulgar(per gioco falloso), Inzaghi(per proteste)

ESPULSI: