Beefutsal Chiaiano: un’annata storica ma quale futuro?

La delusione per una sconfitta bollata, decisa dal Giudice Sportivo per un grossolano errore in distinta contro l’Alma Salerno. Dura lex sed lex dicevano i latini. Poi i ringraziamenti prsonali per ognuno da mister Marco Russo su Facebook. Maddalena e Solombrino richiesti dalla Partenope. Mandragora corteggiato in C1. Lanteri voglioso di proseguire con il gruppo. Intanto la società tace.

Quale futuro per il Beefutsal Chiaiano? Un progetto cresciuto negli anni, affiancato da un ottimo settore femminile, in procinto di accedere alla serie A, mentre la valorizzazione di giovani semisconosciuti ha portato vittorie e soddisfazioni: una semifinale di Coppa Italia e la vittoria sul campo nei playoff di C2. Cosa chiedere di più a mister Russo&soci? Una rosa forgiatasi intorno a lui ed a alcuni elementi esperti anche di categorie superiori, tra cui spiccano Francesco Giacalone, Carmine Montuori e Rolando Mandragora. Insieme a loro Inno, Barretta, Maddalena, Liccardo, Solombrino e chi più ne ha più ne metta per un gruppo coeso e amichevole, con capitan Lanteri a far da chioccia. Un bel progetto di futsal ma che al momento non sembra avere un futuro definito.

Si attende il rompete le righe?! Se cos√¨ fosse si aprirebbero diversi scenari, in primis proprio con alcuni elementi che, come predetto, sono stati già sondati per un’eventuale addio. Tra i pezzi pregiati c’è anche mister Marco Russo, probabile possa seguire qualche suo pupillo per poi dirigere un settore giovanile, altrimenti non appare impossibile la discesa di categoria per organizzare e rifondare realtà dimesse, su tutte il CUS Napoli, sua vecchia conoscenza e logisticamente ideale per il mister flegreo. Tutto è possibile in un momento di grande crisi strutturale ed organizzativa, dove i rimedi o gli accorgimenti che dovrebbero essere dettati anzitutto dal Comitato tardano ad arrivare, augurando che le vespe del Beefutsal tornino a ronzare.

Condividi