Avellino-Perugia 2-0. Esordio perfetto per Foscarini: gli irpini non sbagliano niente

Partita superlativa dell’Avellino che sembra aver ritrovato se stessa. Pochissime le sbavature, quasi nessuna in difesa. Finisce 2-0 al Partenio-Lombardi la sfida di esordio di Foscarini contro il Perugia.

LEGGI ANCHE: “AVELLINO-PERUGIA 2-0. CASTALDO RIPORTA LA VITTORIA IN IRPINIA”

FASE DIFENSIVA 8 – La linea di dietro non sbava. Il due centrale Ngawa-Migliorini sono perfetti nella chiusura degli spazi o negli inserimenti diagonali a chiudere le linea di passaggio e di tiro. Falasco e Percorini contribuiscono allo stesso modo, ostacolando, specialmente il secondo, sui tiri alti. Lo stesso fa Marchizza entrata al 16′ del secondo tempo per un infortunio subito da Falasco. Non solo il reparto difensivo: unione di intenti in campo per la sponda biancoverde, I ragazzi di Foscarini, infatti, sono riusciti ad arrivare sempre per primi sulle seconde palle, ma anche a pressare alto portando all’errore gli avversari.

FASE OFFENSIVA 8 – Probabilmente il passivo del Perugia poteva essere maggiore, Molina e Castaldo infatti non riescono a finalizzare tutte le palle gol che creano. Migliorni viene chiuso da Leali, cos√¨ come D’Angelo da Del Prete nel primo tempo. Molina macina chilometri ed è il giocatore più pericoloso assieme ad un vorace Castaldo che è sempre pronto sui palloni che arrivano dalle fasce o dalle vie centrali.

IMPOSTAZIONE 7.5 – Paga l’imprecisione dei passaggi, quelli pericolosi per finalizzare le azioni offensive. Pecorini riesce poco a servire assist precisi, cos√¨ come Molina sbaglia qualcosa ma si fa perdonare con l’assist e le azioni pericolose arrivate nel secondo tempo.

CAMBI 7 – Praticamente non si sente la differenza ed è in fondo un segno positivo. Cambi conservativi per l’Avellino che ha dovuto rinunciare sia a D’Angelo che a Falasco per problemi fisici. Vajushi entra troppo tardi per riuscire a dare un contributo reale.

LEZZERINI 6.5 – Poco chiamato in causa grazie al lavoro dei centrali difensivi e dei due terzini. Preciso e sicuro nelle poche palle in cui è intervenuto. Fermo sulla posizione sul tiro dalla lunga distanza di Diamanti,

PECORINI 8 – Disturba con la sua presenza i colpitori di testa avversari, riesce a rientrare in maniera precisa sugli attaccanti biancorossi. Bravo nelle diagonali, preciso e pulito nei recuperi e presente anche in zona d’attacco.

NGAWA 8 – La sua presenza è sempre impeccabile. Chiude alla perfezione su Cerri e Di Carmine non lasciando lo spazio per il tiro.

MIGLIORINI 8 – Sembra essere tornato il solito difensore roccioso e solido di un tempo. Bravo come Ngawa nella chiusura sugli attaccanti, salva due volte su tentativi di Mustacchio e sfiora il terzo gol. Ci vuole solo Leali a privarlo della gioia del gol.

FALASCO 8 – Come il compagno sulla destra, Falasco chiude bene e si fa anche vedere in maniera efficace in zona d’attacco fornendo l’assist per il primo gol di Castaldo. (MARCHIZZA 7 – Il Perugia è ormai calato, quindi ha poco da fare, anche con l’ingresso di Buonaiuto al posto del più temibile Mustacchio ben sedato da Falasco. Nel finale buone chiusure diagonali, pulite)

MOLINA 8 – Assist perfetto, corsa, voglia e due gol sfiorati. L’esterno di destra non fa differenza tra la posizione destra o quella mancina, al momento dell’ingresso di Laverone al posto di D’Angelo. Superlativa la sua prestazione dopo le ultime giornate di appannamento. (VAJUSHI – SV)

DE RISIO 7.5 – Buona interdizione, buoni riflessi sulla copertura, buon pressing e sempre pronti ad aggredire l’avversario anche sulle seconde palle.

DI TACCHIO 7.5 – Stesso lavoro del compagno di reparto, con l’aggiunta di una buona battuta di un calcio di punizione verso la testa di Migliorini.

D’ANGELO 7 – E’ l’ombra di Castaldo e proprio stando dietro di lui sfiora il raddoppio. Fa saltare i nervi a Mustacchio che non riesce mai a saltarlo. Lascia il campo troppo presto per riuscire ad innalzare il suo voto. (LAVERONE 7.5 – Propositivo e ben pronto a dare il suo contributo sulla destra alternandosi con Molina. Molto presente in fase offensiva nonostante sia impreciso nei tentativi)

ASENCIO 7 – Tanto impegno, ma poca sostanza, Un po’ sottotono rispetto alle altre gare, si fa vedere poco in fase offensiva. Prova a dare il contributo alla finalizzazione nel primo tempo con un’accelerata che gli ha permesso di saltare tre uomini, male l’assist verso Pecorini. Nel secondo tempo, nel finale, prova a replicare ma viene atterrato con le cattive.

CASTALDO 9 – Immenso. Una doppietta e tanto carattere per l’attaccante che rialza le sorti della sua squadra. Prima del gol dell’1.0 altre due occasioni. un mezzo assist per Molina che non è riuscito a mandare in porta.

FOSCARINI 8 – Vittoria contro un’ostico Perugia, che al Partenio sembra irriconoscibile. Annullata la differenza di posizioni, ma soprattutto ha portato vigore ad una squadra ormai apatica. Buono il dialogo tra i reparti, aspetto che si era perso, o forse mai realmente consolidato, nel corso della stagione.

Cristina Mariano