Avellino. Castaldo nel mirino dei lupi, parla il presidente della Casertana: “Al momento è tutto fermo”

Gigi Castaldo è più che una suggestione in casa Avellino. Il direttore sportivo degli irpini, Salvatore Di Somma, vuole regalare a mister Piero Braglia un’attaccante di spessore, ma che allo stesso tempo abbia un certo tipo di esperienza nel campionato di Serie C. Caratteristiche che la società biancoverde ha ritrovato in maniera netta proprio nell’esperta punta di proprietà della Casertana.

Il calciatore classe 1982, così come gli ex Avellino Antonio Zito e Angelo D’Angelo in forza alla Casertana, è finito sul mercato dopo essere stato ritenuto parte non integrante del nuovo progetto tecnico tattico del tecnico dei rossoblù Federico Guidi. Pronta ad approfittare della situazione è proprio l’Avellino  del presidente Angelo Antonio D’Agostino. Il club irpino sembra convito e deciso a ripotare in maglia biancoverde Gigi Castaldo. Per  l’attaccante di Giugliano di tratterebbe di un ritorno, visto che ha indossato la divisa dei lupi per ben 6 stagioni consecutive (dalla stagione 2012/2013 alla stagione 2017/2018) collezionando 191 presenze e 65 gol.

Ma per ora è tutto fermo. Tra Avellino e Casertana non è nata ancora una trattativa vera e propria. A confermarlo è stato lo stesso presidente dei falchetti, Giuseppe D’Agostino ai microfoni di ‘SportChannel’: “Castaldo è un giocatore della Casertana, è sotto contratto e quindi l’Avellino se lo vuole deve parlare con noi, non con il suo agente. Nessuno mi ha chiamato quindi non vedo il problema. Basta alzare il telefono, chiamare me o il direttore e chiedere informazioni. Al momento è tutto fermo, non ha chiesto di andare via, noi non vogliamo mandarlo via. Ha un contratto ancora di un anno con noi, se ci sono le condizioni vantaggiose per entrambe può partire altrimenti resta. Stessa situazione per D’Angelo e Zito, se non arrivano offerte restano con noi. Con l’Avellino abbiamo ottimi rapporti, non chiediamo soldi, basta parlarsi”.

 

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi